Seguici su

Cerca nel sito

Sequestrati 5,5 milioni di prodotti contraffatti

Indagini delle Fiamme Gialle di Fiumicino avviate dopo alcuni sequestri

Più informazioni su

Il Faro on line – Anche l’immagine del Santo Padre Giovanni Paolo II riportata sugli orologi sequestrati dai finanzieri del Comando Provinciale di Roma unitamente a penne, prodotti elettrici ed elettronici e giocattoli in capannoni di Tor Bella Monaca ed in un negozio del quartiere Esquilino, gestiti da un gruppo di cittadini di origine cinese specializzato nel traffico di orologi e penne contraffatte.

La merce era destinata al mercato illecito della Capitale. In particolare, i gadget con l’immagine di Giovanni Paolo II erano pronti per essere commercializzati in occasione degli eventi legati alla imminente cerimonia di beatificazione. 

Le indagini delle Fiamme Gialle del Gruppo di Fiumicino, avviate dopo i sequestri di alcune partite di merce contraffatta trasportate dietro carichi di copertura su camion provenienti dal Nord Europa, si sono poi soffermate in una zona di via Prenestina, dove alcuni soggetti di origine cinese erano soliti dare appuntamento a conducenti di camion incaricati della consegna della merce a loro destinata.

Successivamente sono stati individuati e perquisiti tre magazzini nella zona di Tor Bella Monaca, uno regolarmente dichiarato e due occulti, oltre ad un negozio ubicato nel quartiere Esquilino, utilizzato quale copertura per le attività illecite dell’organizzazione.

Oltre alle penne “MontBlanc” contraffatte ed agli orologi riproducenti quelli originali delle più note marche, Rolex, Panerai, Omega, IWC, Patek Philippe e Cartier, sono stati sequestrati articoli elettrici, elettronici e giocattoli di ogni genere, muniti di marchio CE contraffatto pericolosi quindi non conformi agli standard di sicurezza fissati dall’Unione Europea.

Tutta la merce rinvenuta nei locali dei magazzini e del negozio, circa 5,5 milioni di pezzi, avrebbe fruttato all’organizzazione, se immessa sul mercato circa 15 milioni di euro.

I tre responsabili sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per i reati di contraffazione e ricettazione, oltre che per quelli previsti dalla normativa sulla sicurezza dei prodotti.
 
L’operazione si inquadra nei dispositivi di contrasto all’abusivismo commerciale ed alla contraffazione predisposti dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, nell’ambito delle iniziative previste dal patto “Roma Sicura”.

Più informazioni su