Seguici su

Cerca nel sito

Erosione, abbonamenti in calo del 20 per cento

La flessione ha colpito soprattutto gli stabilimenti prossimi alla Rotonda

Più informazioni su

Il Faro on line – Abbonamenti in calo del 20 per cento negli stabilimenti del litorale più colpiti dall’erosione delle spiagge. La flessione ha colpito soprattutto gli stabilimenti prossimi alla Rotonda di Ostia dove a causa delle mareggiate la spiaggia è praticamente sparita.
Venezia, Sporting Beach, e Kursaal infatti i lidi più penalizzati. La Nuova Pineta e La Pinetina si assestano su un meno 10 per cento di abbonati per la stagione 2011, “Perchè – spiega il titolare Franco Petrini – qui fortunatamente è rimasta una lingua di spiaggia”. Massimo Muzzarelli dello Sporting Beach, parla di una “stagione menomata. Abbiamo richieste che non riusciamo a soddisfare perché nell’incertezza preferiamo assicurare un buon servizio ai clienti riducendo i posti disponibili”. Nessuna scelta organizzativa invece per il Kursaal dove il 15, 20 per cento degli habitué ha preferito non rinnovare l’abbonamento.
“I problemi della spiaggia però – spiega l’amministrazione del Kursaal – hanno inciso per il 70 per cento. Il resto delle defezioni sono dovute alla crisi economica”. La crisi è “tangibile” anche da Peppino a mare, storico stabilimento del Lido di Castel Fusano, spiega la titolare, Rossella Pizzuti: “La tendenza è di non fare più abbonamenti stagionali, ma per i soli mesi di luglio e agosto. Inoltre gli italiani stanno cambiando mentalità, si informano, si fermano a leggere il listino dei prezzi prima di scegliere dove passare la giornata”.
Più grave la situazione dello stabilimento La Vecchia Pineta dove il calo è costante ormai da anni. Massimo Fumagalli gestore del lido infatti chiarisce subito che “l’attività principale ora è il ristorante”.
Scettico sui benefici del ripascimento Fumagalli aggiunge: “ci vorranno comunque due, tre anni per mettere a posto lo stabilimento, poi si tratterà di mantenere costante gli effetti del ripascimento. Purtroppo sulla manutenzione a carico degli stessi balneari, non tutti i lidi sono d’accordo. Inoltre la scelta di posizionare uno dei pannelli a T di fronte alla Vecchia Pineta, edificio storico e vincolato, mi pare perlomeno scellerata”. Meno critico Muzzarelli che sottolinea “l’importanza di un territorio stabile da gestire. I balneari non avrebbero potuto permettersi di finanziare un’opera così importante. Allo svolgimento dei lavori poi i clienti sono già abituati, è il terzo ripascimento che vedono. E per loro sarà sicuramente un divertente passatempo”.

(Fonte Omniroma)

Più informazioni su