Seguici su

Cerca nel sito

Coppa Italia, Caffè Circi chiude la Final-Four al quarto posto

Casalvieri: “Dispiaciuta perché chi ci ha visti giocare non è rimasto positivamente impressionato”

Più informazioni su

Il Faro on line – Fase finale di Coppa Italia stregata per la Caffè Circi che chiude al quarto posto assoluto l’avventura nella Coppa di serie B1. Dopo aver perso la semifinale con il Matia Ornavasso (3-1) la  formazione allenata da Daniela Casalvieri è uscita sconfitta anche nella finale per il terzo posto (3-0) giocato con la Stem Ascensori Parma. Avvio sotto tono della squadra di Sabaudia che poi, nel corso della gara, non è mai riuscita a incidere come aveva abituato a fare finora: resta il rammarico di aver sprecato un’occasione importante, in un contesto di alto livello anche se, analizzando l’avventura in Coppa, la qualificazione per la Final-Four resta comunque un risultato molto prestigioso. “Chiudiamo questa Final-Four con il grande rammarico di non essere riusciti a esprimerci al nostro livello – spiega a fine partita il coach Daniela Casalvieri – in questo momento sono mortificata perché oltre alle due sconfitte lo spettacolo offerto non è stato all’altezza della competizione: personalmente sentivo di rappresentare, oltre che la mia squadra e la mia società, anche le altre formazioni che nel corso del nostro cammino abbiamo eliminato ma il gioco espresso in questa manifestazione non rende giustizia a quanto abbiamo fatto in questo percorso e non rende giustizia nemmeno al valore delle squadre che abbiamo eliminato e alla loro qualità. In questo caso il senso di frustrazione è doppio perché, da tecnico, ammetto di non essere riuscita a rappresentare degnamente il nostro girone perché chi ci ha visto giocare qui per la prima volta di certo non è rimasto impressionato positivamente. Sono felice a metà: grande soddisfazione per aver raggiunto la Final-Four (che non rientrava tra gli obiettivi stagionali) ma molto dispiaciuta per non essere riuscita fino in fondo a onorare la maglia. Tutto ciò fa già parte del passato: adesso pensiamo al campionato dove abbiamo ancora la possibilità di centrare i play-off”.

Per Sabaudia i problemi iniziano nel prepartita con l’infortunio alla caviglia sinistra della schiacciatrice Antonucci, quindi al suo posto la Casalvieri schiera De Angelis in banda con Agola, Carminati e Centi le centrali mentre la diagonale palleggiatore-opposto come al solito è composta da Marazza e Fiore con Scognamillo libero. Ancora una battuta poco incisiva, ma soprattutto la ricezione non all’altezza costringono la Caffè Circi a un primo set in salita fin dalle prime battute: 6-1 per Parma, poi con De Angelis in battuta dall’8-2 la squadra di Sabaudia recupera quattro punti (8-6), poi il 12-7 arriva con Cirilli dalla seconda linea, Fiore risponde in diagonale ma le cose non girano, così Parma arriva fino al 22-11 quando la Casalvieri sostituisce la De Angelis con Puchaczewski: Centi e Fiore illudono (22-13) ma il parziale è compromesso e Parma chiude 25-13 grazie a un errore di Sabaudia.

Anche nel secondo set è Parma a fare la partita: vantaggio 8-4 con il margine che continua anche nel corso del set, con il 10-6 che arriva grazie a una battuta fuori di Galtarossa ma Cirilli rimedia con l’ace. Sul 13-6 la Casalvieri cambia palleggiatore (fuori Marazza e dentro Vaccarella) e Fiore mette la palla a terra per il 13-7. Doppia di Vaccarella (15-7) poi Agola a segno: si arriva fino al 20-9 con la panchina di Sabaudia che chiede il time-out discrezionale e arrivano due punti rocamboleschi a favore della Caffè Circi (prima Vaccarella e poi l’attacco a rete della Benini per il 22-11). Anche questo set è decisamente compromesso e Parma può realizzare il 25-12 con l’ace di Cirilli che trova la ricezione difettosa di De Angelis.

Il terzo set è decisamente più combattuto con Sabaudia che recupera dal 7-5 fino al sorpasso del 7-9 con Carminati: Parma si rifà sotto pareggiando a quota nove con il muro della Korcz, poi ancora la Carminati protagonista con l’attacco in fast e il muro vincente: sul 12-11 per Parma entra Sotera, la sfida diventa punto a punto (15-14, 19-18) con la Caffè Circi che prova a restare in partita e il pareggio arriva a quota 20 ancora con Carminati. Benini manda a rete palla del vantaggio di Sabaudia (20-21) poi Korcz pareggia ancora e subito dopo trova l’ace con l’aiuto della rete che capovolge la situazione: la battuta di De Angelis è fuori (23-22), Belfiore va a segno con il muro e l’attacco fuori di Agola chiude i conti sul 25-22.

I tabellini

CAFFE’ CIRCI SABAUDIA: Centi 3, Scognamillo (lib. 45% prf), Fiore 10, Cimoli ne, Agola 7, Vaccarella 1, Carminati 6, Puchaczewski, Antonucci ne, De Angelis 5, Marazza 2, Miatello ne. All. Casalvieri

STEM PARMA ASCENSORI: Silava ne, Belfiore 11, Korcz 6, Zanichelli ne, Cirilli 13, Cannarsa ne, Sotera, Francesconi 5, Galtarossa 3, Benini 8, Marozza ne, Rocchetti (lib. 43% prf). All Comeutti

Parziali: 13-25 (22′), 12-25 (20′), 22-25 (25′)
Note: Spettatori 300 circa. Sabaudia: ricezione 54% (15%), attacco 50%, battute vincenti 2, err. 7, muri 6; ricezione 44% (32%), attacco 38%, battute vincenti 6, err. 4, muri 6

NELLE FOTO: l’allenatrice Daniela Casalvieri e il presidente Alessandro Pozzuoli, poi Gabriella Agola, capitano della Caffè Circi Sabaudia e nell’altra i tifosi della Caffè Circi arrivati fino a Verbania

Più informazioni su