Seguici su

Cerca nel sito

Marco Salera ucciso con un colpo di pistola al petto

Omicidio in via Baffico. Indagini dei carabinieri nel mondo della droga

Più informazioni su

Il Faro on line – L’hanno ucciso con un colpo d’arma da fuoco tra le scale e un pianerottolo del palazzo in cui abita la fidanzata, che ha trovato il cadavere rientrando in casa. È morto così Marco Salera, 25 anni, noto alle forze dell’ordine per reati legati alla droga, in un condominio di Ostia, in via Baffico (foto Faraglia). Il giovane aveva accanto a sè un coltello, che forse ha tentato di usare per difendersi dal suo assassino. Salera è stato raggiunto da un proiettile dritto al petto ed è morto probabilmente all’istante. Per saperne di più bisognerà attendere l’autopsia.
I carabinieri della Compagnia di Ostia hanno interrogato alcune persone che abitano nel palazzo e che potrebbero aver sentito qualcosa: dei rumori, un alterco, una colluttazione tra il pregiudicato e chi l’ha ucciso, prima dello sparo. Anche la fidanzata del ragazzo potrebbe fornire elementi utili alle indagini. La pista privilegiata è al momento quella legata all’ambiente dello spaccio di stupefacenti, visti i precedenti di Salera.  L’omicidio di Ostia si aggiunge ad altri avvenuti a Roma e nelle vicinanze della capitale negli ultimi mesi per moventi riconducibili agli stupefacenti. Il caso più clamoroso è quello del duplice omicidio compiuto a Cecchina, ai Castelli Romani, dove il 19 maggio scorso vennero uccisi due pregiudicati in un regolamento di conti per il traffico di droga. Altre due persone rimasero gravemente ferite. Per questo episodio sono state arrestate tre persone, ritenute i componenti del commando omicida: si tratta di due uomini e di una donna, una vigilessa figlia di un ex ufficiale dei carabinieri.

Più informazioni su