Seguici su

Cerca nel sito

La Camera: “Basta con i parcheggi selvaggi”

Il delegato alla viabilità su via Antonio da San Gallo e via Spinelli

Più informazioni su

Il Faro on line – Il Delegato alla Viabilità Claudio La Camera interviene in merito al traffico che insiste nel tratto di strada compreso tra l’ingresso dell’istituto Superiore Itis Calamatta e l’entrata della scuola media Manzi.
“Sebbene si tatti di un percorso di poche decine di metri – sostiene La Camera – vorrei ricordare a tutti i cittadini che siamo in presenza di un doppio senso di marcia su quella strada, quindi il parcheggio selvaggio che si verifica quotidianamente nella zona è pericoloso sia per le auto che giungono dall’opposto senso di marcia e sia per i pedoni che si trovano nella situazione di attraversare in una carreggiata stretta, che potrebbe mettere a repentaglio la loro incolumità. Pertanto – aggiunge La Camera – nel rinnovare l’invito pubblico a non parcheggiare in doppia fila su quel breve tratto di strada che, ribadisco, è a doppio senso di marcia, avviso al tempo stesso che ho personalmente informato il Comando dei Vigili urbani che effettueranno maggiori controlli per prevenire casi di rischio stradale e garantire la sicurezza degli automobilisti e dei pedoni. Infine, vorrei sottolineare come nell’ultimo tratto di via Spinelli, nei pressi dell’ospedale, siamo in presenza di un doppio senso di marcia che tuttavia crea numerose difficoltà ai residenti, in quanto è ormai mala abitudine parcheggiare le auto lungo tutta la via, nonostante vi sia un parcheggio sopraelevato del supermarket a poche decine di metri che inspiegabilmente è sempre vuoto. Questa abitudine, oltre a rendere impossibile l’accesso per gli abitanti della zona e contemporaneamente creare disagi ai mezzi di soccorso e nettezza urbana che si trovano a dover transitare nella strada, mette a repentaglio la sicurezza dei pedoni che attraversano la via. Quindi – conclude La Camera – anche per questa strada rinnovo l’invito a non effettuare parcheggi selvaggi pericolosi ed inutili”.

Più informazioni su