Seguici su

Cerca nel sito

“Test anti-droga dopo contatti tra politici e pusher”

A richiederlo il segretario del Pd di Civitavecchia, Patrizio De Felici

Più informazioni su

Il Faro on line – Un consigliere comunale del centrodestra avrebbe contattato degli spacciatori per acquistare della droga. L’episodio, che ha fatto scalpore a Civitavecchia, ha portato il segretario del Pd cittadino a chiedere al presidente del Consiglio comunale il test-antidroga obbligatorio per tutti i consiglieri.
“Speriamo che il presidente del Consiglio comunale – ha detto il segretario del Pd di Civitavecchia, Patrizio De Felici – imponga i test antidroga ai consiglieri, visto che, per l’ennesima volta, è emerso il coinvolgimento di un esponente della maggioranza di centrodestra in un vicenda di droga”. 
Alcuni giorni fa sono stati arrestati 8 spacciatori e denunciati in libertà altre 20 persone accusate di far parte di un’organizzazione che spacciava cocaina in città e nelle altre località del litorale a nord di Roma. Il consigliere comunale in questione, non raggiunto da alcun provvedimento giudiziario, avrebbe avuto rapporti con gli spacciatori soltanto come assuntore. A quanto si è appreso, sarebbe stato intercettato per tre volte in piena notte, mentre telefonava al proprio fornitore per ordinare la droga.
“Sarebbe un’iniziativa nell’interesse dell’intera classe politica e della cittadinanza, che giustamente pretende trasparenza; pretende che chi li rappresenta, al di là del colore politico, sia inattaccabile, non corruttibile e soprattutto non ricattabile”, afferma ancora De Felici, che si dice pronto a sottoporsi al test antidroga.

(Fonte Ansa)

Più informazioni su