Seguici su

Cerca nel sito

Rogo sull’isola, indagini a tutto campo

Ridotti in cenere quattro ettari di verde. Dall'Ugl la richiesta di un corpo forestale fisso

Più informazioni su

Il Faro on line – Proseguono le indagini dopo il vasto incendio divampato domenica scorsa a Ponza in prossimità del centro abitato nella zona sud-est dell’isola. Nel rogo sono andati distrutti ben quattro ettari di macchia mediterranea e di vegetazione. Un incendio divampato nella mattinata e ch,e alimentato dal forte vento di levante, ha costretto alcuni residenti ad abbandonare le proprie abitazioni.
L’operazione di spegnimento durata diverse ore è stata coordinata dal personale del Corpo forestale dello Stato che, dopo avere effettuato i primi 17 lanci con il proprio elicottero in condizioni di forte vento tra i 30-40 nodi, riusciva ad intervenire anche da terra, mentre altri due Canadair e un elicottero della protezione civile tentavano di circoscrivere le fiamme. Sulla natura dell’incendio non ci sono dubbi, è quella dolosa e per tale motivo gli inquirenti stanno raccogliendo tutti i dati per risalire agli autori dell’insano gesto.
Intanto l’Ugl forestale a seguito dell’incendio chiede l’istituzione di un presidio stagionale del Corpo Forestale sull’isola. Per Flavio Di Lascio è “inconcepibile che piloti e specialisti di elicottero sono dovuti scendere a terra ed operare”. “Non è accettabile – aggiunge Di Lascio – questo avvenimento dimostra ancora una volta come l’isola e la comunità necessitino di un presidio forestale stagionale”.
Andrea Brengola

Più informazioni su