Seguici su

Cerca nel sito

“Sos sicurezza: se ne parla alla Festa dell’Unità”

Calicchio: “Così è impossibile combattere le infiltrazioni mafiose e dare tranquillità ai cittadini”

Più informazioni su

Il Faro on line – “Emergenza sicurezza a Fiumicino”. L’allarme arriva dal consigliere comunale del Pd Paolo Calicchio e verrà discusso all’interno dello spazio dibattiti della Festa dell’Unità (dalle 21 a Parco Bezzi) con lo stesso Calicchio, Raffaele Megna, coordinatore regionale del Forum sulla sicurezza e legalità del Pd, Ezio Matteucci, Cgil Polizia Municipale Roma, Cosimo Bianchini Cgil Lazio Silp, Maurizio Fiasco sociologo, Marco Minniti responsabile sicurezza nazionale del Pd.

“Viviamo una situazione paradossale – sottolinea Calicchio – Fiumicino, comune grande quanto Milano, non ha una caserma dei vigili del fuoco, un comando dei carabinieri, né tanto meno un numero congruo di agenti di polizia e municipale. Corpi che devono costantemente far fronte a una carenza di organico che mina quella percezione della sicurezza che il centrodestra continua a sventolare nei propri programmi elettorali, senza essere in grado di rispettare gli impegni presi”.

Non va meglio se il discorso si sposta sulle forze dell’ordine: “I tagli della finanziaria hanno prodotto un buco di 400 vigili del fuoco nella Provincia – chiosa Calicchio -. All’aeroporto i pompieri per turno sono scesi da 54 a 35. A Fiumicino la polizia locale è sotto organico di almeno 50-70 unità. Gli agenti di polizia e i carabinieri sono costretti a fare gli straordinari per presidiare il secondo comune della Provincia dopo Roma. E in tutto questo Canapini che fa? Scrive qualche lettera al prefetto, presenzia ad alcuni tavoli sulla sicurezza. Fa passerella insieme all’amica Renata, inaugurando finti presidi di polizia che servono soltanto a spostare uomini dal commissariato locale a quello distaccato di Fregene, senza però riuscire a potenziare gli organici delle forze dell’ordine, ridotti ormai all’osso dalla cura Pdl. E mentre Roma avrà presto 300 nuovi carabinieri e 60 nuovi agenti di polizia, l’amministrazione comunale di Fiumicino che fa? Rimane in silenzio, per non ammettere la sua completa incapacità, appiattita com’è sulla linea Alemanno-Polverini che invece di portare infrastrutture, mezzi, uomini – conclude – ci rifila migliaia di chili di immondizia e un termovalorizzatore per bruciare i rifiuti di Roma”.

Più informazioni su