Seguici su

Cerca nel sito

Asili nido, contributi alle famiglie

Il Comune pubblica il bando per le agevolazioni retroattive

Più informazioni su

Il Faro on line – Gli asili nido, e più in generale i servizi rivolti all’infanzia, sono fra gli aspetti nevralgici di un’amministrazione comunale.
Nel rinnovare il loro impegno di sviluppo e promozione sociale, il sindaco di Latina Giovanni Di Giorgi e l’assessore agli Asili Nido Marilena Sovrani hanno avviato un percorso di collaborazione finalizzato a predisporre una serie di interventi volti sia a supportare sul piano economico i nuclei familiari con bambini in età prescolare sia ad ampliare l’offerta degli asili nido su tutto il territorio attraverso l’incremento di convenzioni con le strutture scolastiche per la prima infanzia private.

Fra gli interventi già messi in atto dall’amministrazione comunale l’approvazione del bando, già pubblicato sull’Albo Pretorio on line del Comune, in cui è prevista l’erogazione di un contributo, grazie ai fondi della Regione Lazio assegnati al Comune di Latina, per i bambini che nell’anno scolastico 2010/2011, non essendo riusciti ad entrare negli asili comunali, hanno frequentato strutture private. Il contributo, secondo quanto previsto dal D.G.R. n.87 dell’8/03/2011, è pari ad un
importo mensile di 100 euro fino a coprire un massimo di 1.000 euro.
Per ricevere il contributo, gli aventi diritto, dovranno presentare la domanda presso l’ufficio asili del Comune, palazzo della Cultura via Umberto Primo, dal 29 agosto 2011 fino al 7 settembre 2011. Per informazioni si possono contattare i numeri 0773/652634 o 0773/652643.

“Il piano per i nidi che stiamo mettendo a punto – dichiara l’assessore Sovrani – rientra nelle azioni che l’amministrazione comunale intende avviare per garantire alle famiglie sempre maggiori servizi. Il rimborso per chi, non potendo aspettare il posto nel nido pubblico, si è rivolto ai centri privati autorizzati è una misura sostenuta da un finanziamento di un milione di euro della Regione Lazio. Le famiglie, rimaste in lista d’attesa nell’anno 2010-2011, riceveranno così un voucher retroattivo di mille euro a copertura delle spese sostenute. Il bando è stato pubblicato e possono fare domanda le famiglie con reddito ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) non oltre i 25 mila euro. Chi presenta la richiesta dovrà certificare l’avvenuta frequenza di un nido
privato a proprie esclusive spese”.

“Aiutare le famiglie in difficoltà – conclude l’assessore – è un nostro dovere di amministratori, per questo stiamo già lavorando per predisporre altri sostegni incrementando le azioni di aiuto per assicurare livelli di vita dignitosa”.

Più informazioni su