Seguici su

Cerca nel sito

“Fiumicino senza vigili del fuoco. Santa Barbara proteggici tu”

Calicchio (Pd): "Anche quest'anno la Regione lascerà la città per tutto l’inverno sguarnita di una squadra di pompieri”

Più informazioni su

Il Faro on line – Domenica il corpo dei vigili del fuoco, come da tradizione, festeggerà Santa Barbara. Esibizioni, simulazioni, caserme aperte. Un momento di gioia e di riflessione, per mostrare a tutti il duro lavoro che i pompieri ogni giorno sono chiamati a compiere.
”Un’occasione – spiega il consigliere del Pd, Paolo Calicchio – per rivolgere a questo corpo un ringraziamento e anche, già che ci siamo, per inviare una preghiera alla sua santa protettrice. Una richiesta di aiuto alla quale spero si accodi anche il sindaco Canapini visto che la sua protettrice, Santa Renata Polverini, anche quest’anno per tutto l’inverno lascerà Fiumicino sguarnita di una squadra di pompieri”.
”Come avevo denunciato qualche tempo fa, dal primo dicembre siamo nuovamente senza vigili del fuoco. La boschiva, un escamotage ideato dalla giunta regionale di centrosinistra per dotare Fiumicino di un corpo di pompieri che si occupasse non solo di tutela di boschi e pinete ma anche di incidenti, allagamenti, incendi domestici, è stata sacrificata in nome della lotta agli sprechi. Come se la sicurezza lo fosse”.
”A questo punto non possiamo far altro che rivolgerci a Santa Barbara, sperando ci pensi lei ad allontanare da Fiumicino incidenti, allagamenti e incendi. Altrimenti dovremo metterci l’anima in pace e attendere che qualche squadra arrivi ad aiutarci. Da dove? Ostia con annessi e connessi del Ponte della Scafa, Cerveteri o Torre Vecchia. O forse l’idea del sindaco è quella di utilizzare una protezione civile che non esiste?”
”Evidentemente ha già pronto un piano B: virare i tanti vigili urbani che operano su Fiumicino per spegnere incendi ed evitare tragedie in un comune a forte rischio idrogeologico. Rischio che Canapini e la sua maggioranza continuano a concepire solo come ostacolo alla crescita urbanistica ed edilizia e non come un reale rischio per l’incolumità. In un comune poi che continua a crescere ma nel quale di servizi nemmeno l’ombra. D’altronde da un’amministrazione che avalla il taglio dei vigili del fuoco senza muovere in dito e non si dota di un servizio di protezione civile reale, che ci aspettiamo”.

Più informazioni su