Seguici su

Cerca nel sito

Sedicenne morto dopo una lite, lutto alla scuola della vittima

Tasciotti: “È una tragedia incredibile, che tocca tutti e che ci interroga”

Più informazioni su

Il Faro on line – Una città sgomenta, incredula. Così si è svegliata Fiumicino oggi, scossa dall’episodio che ha portato ieri pomeriggio, a Parco Leonardo, alla morte del 16enne Simone Costa per mano del suo migliore amico, Cesare. Il sindaco Mario Canapini ha parlato di “città attonita e commossa per la tragedia”. E nella scuola fino a poco tempo fa frequentata dalla vittima e anche dal giovane arrestato, è stato il giorno del lutto. E proprio l’istituto superiore Paolo Baffi ad Isola Sacra giovedì 15 dicembre, alle ore 12, ospiterà il Presidente della Camera Gianfranco Fini, nell’Aula Magna della Scuola per chiudere le cerimonie di commemorazione del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia e parlare agli studenti delle classi quinte ed ai docenti sul tema: legalità ed istituzione.

“Ma l’invito, accolto dal Presidente Fini, era stato già da tempo inoltrato – precisa il preside Roberto Tasciotti – e quindi forse oggi, alla luce dell’accaduto, assume ancor maggior valore”. E Simone è stato ricordato ieri mattina nell’istituto che “ha frequentato fino a qualche settimana fa prima di cominciare a fare l’apprendista in un negozio di barbiere. Alle 13 e trenta è suonata la campana per un minuto di raccoglimento – ha detto il preside Roberto Tasciotti – ho voluto prima però riunire, per ricordare il ragazzo, tutti i rappresentanti delle classi e la classe terza dell’indirizzo commerciale. È una tragedia incredibile, che tocca tutti e che ci interroga. Il giorno dei funerali per l’istituito sarà proclamato il lutto. Anche l’altro ragazzo, Cesare, aveva frequentato la scuola fino ad un paio di anni fa”.

Affranti dal dolore, i familiari di Simone in testa la mamma Michela, impiegata, il papà Stefano, negoziante, la sorellina, e gli amici non si danno pace per l’accaduto. Per loro l’affetto ed il cordoglio di tanta gente. Lo stesso accade tra i tanti amici coetanei di entrambi i ragazzi, che ieri sera, fino a mezzanotte quasi, hanno affollato il cortile del poliambulatorio di Isola Sacra dove era stato portato il corpo del 16enne. Sono gli amici della comitiva, quella che frequentava Parco Leonardo o in estate lo stabilimento Papaia sul lungomare. Sui social network, dove proprio sui profili dei due ragazzi ci sono tante foto che li ritraggono insieme od in comitiva, si susseguono tanti messaggi e ricordi (“Sei stato e sarai sempre un grande, ti voglio bene”, “Ci mancherai tanto”), di ragazzi all’indirizzo di Simone. Una tragedia che ha caratterizzato i commenti dei cittadini per strada, nei bar, nei negozi, in una città in grande crescita espansiva, oltre 70 mila abitanti, che, negli ultimi anni, ha visto purtroppo la perdita di diversi adolescenti per fatti di cronaca o incidenti stradali. Ad essere increduli e sgomenti sono anche i genitori di Cesare, due persone note a Fiumicino per la gestione di uno stabilimento balneare. Una tragedia che ha lasciato un segno indelebile in due famiglie.

(Fonte Ansa)

Più informazioni su