Seguici su

Cerca nel sito

Sicurezza, Paliotta scrive al Prefetto e alla Regione

"Manca un posto di polizia, pronti a offrire un immobile di 300 metri quadrati"

Più informazioni su

Il Faro on line – “La stampa ha dato recentemente notizia che è stato predisposto un piano di interventi per aumentare la sicurezza nella Regione Lazio. Riteniamo, quindi, necessario richiamare l’attenzione sul nostro territorio, posto sul litorale a nord di Roma e in posizione strategica tra il porto di Civitavecchia e l’aeroporto di Fiumicino”.
Con queste parole il sindaco di Ladispoli, Crescenzo Paliotta ha annunciato di avere inviato al prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro e all’assessore regionale ai rapporti con gli enti locali e politiche per la sicurezza Giuseppe Emanuele Cangemi una nuova richiesta di potenziamento delle forze dell’ordine 
“Nella zona compresa tra Ladispoli, Cerveteri e Santa Marinella – ha proseguito Paliotta – risiedono attualmente 100mila persone, con una percentuale di incremento demografico tra le più alte d’Italia. Le indagini delle forze dell’ordine e della magistratura, con i recenti arresti di inquisiti per reati connessi alla criminalità organizzata, fanno comprendere come ci siano forti rischi di un radicamento di tale criminalità nel nostro territorio. Già ora comunque il numero dei reati, contro le persone e soprattutto contro il patrimonio, è in costante aumento e fonte di preoccupazione per tutta la nostra comunità. Invitiamo, quindi il Prefetto e l’assessore Cangemi a considerare l’opportunità di utilizzare parte dei fondi del Governo per rafforzare la presenza delle Forze dell’Ordine nel nostro territorio. In particolare si conferma che l’Amministrazione comunale – ha concluso Paliotta – è pronta a mettere a disposizione del Ministero degli Interni un immobile di 300 metri quadrati al fine di istituire un Posto di Polizia, considerato  che la Polizia di Stato non ha Posti in tutto il tratto che va da Civitavecchia a Roma nonostante in questa zona del Lazio la popolazione sia aumentata del 200% in 20 anni”.

Più informazioni su