Seguici su

Cerca nel sito

Biagio Izzo ipnotizza il PalaTeatro

Esilarante performance tra il comico e il surreale

Più informazioni su

Il Faro on line – È uno straordinario successo di pubblico quello ottenuto ieri sera da “Guardami, guardami”, con un eccezionale Biagio Izzo che ha dato il via ad una stagione teatrale ricca di eventi, presso il nuovissimo PalaTeatro di Battipaglia.
Il Direttore Artistico Nando Sessa ha dichiarato soddisfatto che “il magi-comico spettacolo di Biagio Izzo e Bruno Tabacchini  non ha tradito le aspettative dei numerosi spettatori, giunti da ogni parte della provincia. Possiamo dire –conclude- di aver superato a pieni voti questo primo esame, verso la rinascita del teatro a Battipaglia”.  Il taglio del nastro di questa imponente struttura è stato affidato, così, alle esperte arti interpretative di Biagio Izzo, perfettamente calato nei panni di Vito Prudente, incarnazione dello stereotipo dell’uomo che si sente ingabbiato dal matrimonio con la gelosa Marzia. La via di fuga escogitata da Vito, grazie alla quale riesce a concedersi qualche ora di libertà, gioca sul proprio dono innato di ipnotizzare le donne semplicemente facendosi guardare negli occhi: i problemi nascono quando entra nelle loro vite un vecchio amico della coppia, segretamente innamorato di Marzia, pronto a scatenare una serie di equivoci e situazioni imbarazzanti pur di conquistare l’amore della sua vita.

La serata si è conclusa con l’emozionante cerimonia di premiazione “Le Muse” che, per la sua dodicesima edizione, ha premiato Biagio Izzo e Bruno Tabacchini per le mille repliche d’autore, e la straordinaria Teresa Del Vecchio come miglior caratterista, anche grazie alla magistrale interpretazione di Sofia che, proprio in “Guardami, guardami” fomenta la gelosia di Marzia nei confronti del marito.
Le magiche doti di Vito – Biagio Izzo rendono inusuale una spassosa commedia che non sa di già visto, segnando un punto a favore del team organizzativo, che ha così superato le diffidenze iniziali dei detrattori ricevendo parole di elogio anche dagli stessi Izzo e Tabacchini e dall’intera compagnia teatrale. C’è ancora qualcosa da migliorare, in particolare l’impianto di riscaldamento della struttura, ma a tal proposito Lucio Rossomando, coordinatore del PalaTeatro, ha dichiarato: “Sicuramente per la data del 20 Gennaio, quando si terrà lo spettacolo di Nino D’Angelo, l’ambiente sarà perfettamente riscaldato. Purtroppo -prosegue Rossomando- non siamo riusciti a sopperire in questo primo appuntamento alle lacune di una struttura iniziata trent’anni fa ed ultimata solo recentemente. Per il prossimo appuntamento, sia il riscaldamento che gli altri servizi connessi, saranno perfettamente ultimati”.

Non ci resta che attendere, allora, lo scugnizzo Nino D’Angelo, con “C’era una volta… nu jeans e na maglietta”, un one-man show che ripercorre la carriera dell’artista partenopeo, dal caschetto biondo degli anni ’80 alla maturità professionale che lo contraddistingue oggi. Attesa, questa, che il pubblico battipagliese saprà accordare allo staff tecnico-organizzativo del PalaTeatro che, nonostante gli attuali limiti della struttura, ha ridato lustro all’accoglienza entusiastica che la città di Battipaglia ha sempre riservato agli appuntamenti culturali in essa ospitati.

Più informazioni su