Seguici su

Cerca nel sito

Bum Bum Latina, anche Gaeta è stata conquistata

Super Terenzi e Gaito regalano alla Century il recupero dell’ottava giornata

Più informazioni su

Il Faro on line – Tre punti ma quanta sofferenza per la Century in casa del Gaeta. Il recupero dell’ottava giornata di campionato sorride alla squadra di Angeletti sia sul piano del risultato che su quello degli episodi con un secondo tempo giocato quasi ad una porta sola che ha visto Ciarla protagonista tra i pali. “Sapevamo che sarebbe stata una battaglia – afferma il presidente Rocco Prezioso presente alla gara – anche se soffrendo siamo riusciti a prendere questi delicati tre punti, ora dobbiamo pensare a ricaricare le pile ed essere pronti per il 2012”. Con un tempo per squadra la gara è stata appassionante, la differenza l’hanno fatta la cattiveria sotto porta del solito Terenzi e un Gaito quanto mai ritrovato e freddo nel punire l’estremo biancorosso fuori dai pali. La gara comincia subito nel segno di Terenzi che al 2’ conclude a lato. È già il preludio al vantaggio dei pontini sempre con il loro numero otto che dopo un minuto si allarga e punisce con una precisa puntata Balzano tra i pali. Un gol che mette la gara dei nerazzurri in discesa su uno dei campi più temibili della categoria. La risposta biancorossa arriva al quinto con Guerra senza impensierire troppo Ciarla. Ribaltamento di fronte e già il Gaeta è costretto a salvare sul capitano Di Pastena, bravo a rubare il pallone nella propria metà campo e ripartire impegnando di piede Balzano. Un minuto più tardi arriva il 2-0 con un grande scambio orizzontale Terenzi-Bulboaca che porta il primo a segnare a pochi passi dalla porta avversaria. Il Latina c’è, compatto, duro e determinato nel portare a casa questo importante risultato che le permetterebbe di arrivare a -3 dalla vetta con un’altra gara da recuperare. Al 19’ altro contropiede ancora con gli stessi protagonisti ma la mira di Bulboaca non è precisa. Nel momento migliore nerazzurro arriva il gol di Guerra che va a riaprire un primo tempo quasi a senso unico. Il Latina però non ci sta ed allora ecco che Terenzi si esibisce nuovamente con una bella aziona personale conclusa con un fendente preciso e letale che non lascia scampo a Balzano. Se il primo tempo è stato di matrice pontina la ripresa è completamente tutta un’altra storia. Angeletti fa esordire il nuovo arrivato Michael Di Giacomo ma la musica cambia repentinamente. I lanci lunghi di Ciarla spesso avvantaggiano l’esperienza di Valente che fa ripartire puntualmente le azioni del Gaeta. I biancorossi sono completamente padroni del campo e già al 4’ trovano il 2-3 con Guastaferro dopo una brutta palla persa in difesa dal Latina. Ciarla è costretto agli straordinari ma abbassa la saracinesca e mette in crisi i padroni di casa. Il Latina prova a reagire e quando al 6’ esce dal guscio con una bella puntata di Piovesan è Balzano a dire di no con un bel tuffo. Al 10’ Vartolo sciupa da solo davanti la porta con un brutto esterno che va fuori, poi è Valente che prova a fare tutto da solo ma Ciarla mette in angolo. Al 17’ puntata di Guerra deviata prima dalla difesa e poi da una spaccata del portiere del Latina. La Century riesce a rispondere solo con le punizioni di un volenteroso e pericoloso Gaito, protagonista soprattutto in fase difensiva con moltissime palle recuperate. Verso il finale può cambiare la partita perché dopo una buona uscita di Balzano su Angeletti è Guastaferro ad avere la del pari ma a porta libera sbaglia clamorosamente l’appoggio. Una boccata di ossigeno per la squadra di Angeletti che al 29’ capitalizza al meglio Balzano come portiere di movimento e lo punisce con una perfetta palombella di Gaito che corona così la sua ottima partita. Il Latina porta tre punti a casa di fondamentale importanza mentre il Gaeta resta con le mani in mano ma con la consapevolezza di aver disputato un grande secondo tempo. La gara di Gaeta ha anche evidenziato le armi in più del tecnico Angeletti: dall’esordio di Di Giacomo al rientro in pianta stabile di tre importanti pedine quali Martufi, Serra e Piovesan. Decisiva anche la prova di Gaito sia in fase di contenimento che in fase d’attacco.

Più informazioni su