Seguici su

Cerca nel sito

“Troppi lavori inutili. Troppo spreco dei soldi pubblici”

Russo D'Auria (Gil): "Lavori rifatti più volte, altri destinati a essere eliminati. E altri ancora devastati col tempo"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Troppi sprechi in questa città. Troppi lavori infiniti, troppi lavori inutili. E a pagare, alla fine, sono sempre i cittadini”. A parlare è Mario Russo D’Auria (nella foto), leader di Gil (Gruppo indipendente libero per Fiumicino). L’ultimo caso è quello a Maccarese, dove si sta realizzando con i soldi pubblici una rotonda in un punto dove, stando al pinoa di ampliamento dell’aeroporto, ci passeranno le nuove piste e dove dunque tutto dovrà essere praticamente cancellato. A che serve allora fare quei lavori? Perché si spendono quei soldi?”.
Ma il caso di Maccarese non è l’unico… “Vogliamo parlare – prosegue Russo D’Auria – della strada di fronte al nuovo cimitero? Asfaltata di tutto punto è stata praticamente distrutta dal passaggio dei camion  indirizzati vero il cantiere del nuovo porto turistico. Ora ci sono buche e avvallamenti, e un dislivello evidente. Chi pagherà tutto quersto? I cttadini, naturalmente”. E poi ci sono i lavori infiniti al ponte Due Giugno, con costosissimi ponteggi ormai praticamente sistemati in pianta stabile, oppure i lavori di asfaltatura intorno alle nuove rotonde che vengono fatti, poi rovinanti da altri lavori e poi rifatti. Così non va. La gente – conclude Russo D’Auria – deve ricordarsi che il vecchio detto ‘Tanto paga Pantalone’ non funziona più. Pantalone o ggi siamo noi, e le mani le mettono nelle nostre tasche. Anzi, peggio: Pantalone saranno i nostri figli e i nostri nipoti”.

Più informazioni su