Seguici su

Cerca nel sito

Clonazione Bancomat: come difendersi

Consigli utili in vista degli acquisti natalizi

Più informazioni su

Il Faro on line – L’Assessore al Bilancio Giovanni Crimaldi in vista delle festività natalizie invita i cittadini  ad essere più attenti quando si utilizzano il bancomat o la carta di credito sia per i prelievi che per i pagamenti.
 
“Negli ultimi mesi – ha detto Crimaldi –mi sono arrivate al Comune di Ladispoli numerose segnalazioni relative a  clonazione  di bancomat o di  carta di credito. E’ piuttosto difficile accorgersi di essere stati clonati al momento in cui si va a prelevare il denaro. Normalmente le operazioni eseguite con il bancomat si fanno meccanicamente e di fretta.  Poi, però, possono succedere due cose. Eseguite un estratto conto di routine e vi trovate con dei prelevamenti che non avete fatto. Oppure siete informati dalla vostra banca che il bancomat è stato scoperto fra altri clonati dalle Forze dell’ordine. Innanzitutto non fatevi prendere dal panico. Ormai le banche rimborsano i correntisti che hanno subito la clonazione della carta e che sono ovviamente in grado di dimostrare la loro buona fede e le transazioni fraudolente. La procedura è abbastanza semplice. Bloccate subito il vostro bancomat attraverso la vostra banca o meglio attraverso il numero verde dedicato. In questo modo il vostro bancomat e quello clonato, diventano inservibili. Passate dalla vostra banca, chiedete la stampa dell’estratto conto e ricavatevi una lista delle operazioni fraudolente con data, ora della transazione, importo e se possibile il luogo, dove è stata eseguita. Prendete il vostro bancomat, che in effetti oramai non serve a nulla dal punto di vista bancario, ma vi serve per dimostrare che non lo avete smarrito e che lo avete usato e detenuto correttamente. Presentate quindi la denuncia presso il posto di Polizia, o Carabinieri o altre forze dell’ordine. Con la vostra denuncia presentatevi nuovamente alla vostra banca dove compilerete dei moduli che istruiranno la pratica del vostro rimborso. I tempi del rimborso variano da banca a banca e da burocrazia a burocrazia”.

“Qualche buona idea – ha concluso Crimaldi – per ridurre il rischio di furto o clonazione di bancomat e carte di credito è mai tenere il codice segreto e la carta insieme, nel portafogli o nella borsetta, ma custodirli separatamente, meglio ancora memorizzare il codice. Per quanto riguarda le carte di credito, prestare sempre molta cautela nel lasciare i dati per eventuali transazioni via internet. Fare attenzione in bar o ristoranti a consegnare la carta di credito a persone che non si conoscono:meglio piuttosto consegnare la carta direttamente alla cassa e averla sempre sott’occhio. Non permettere a camerieri o cassieri di allontanarsi con la vostra carta. Attenzione alle moderne truffe con il bancomat: se la carta si inceppa nell’apparecchio di prelievo, non abbandonate per nessun motivo lo sportello, fino a quando non siete riusciti a comunicare alla banca il blocco. Molti casi i truffatori simulano questo genere d’incidenti. Nel caso di acquisti sul web, verificate che la pagina del sito in questione sia sicura (che usi algoritmi di crittografia, contrassegnata da un lucchetto posto sulla parte inferiore destra della finestra). Se così non è, diffidate e non comprate nulla. E-mail: se vi arrivano messaggi di posta elettronica dove vi si chiedono dati sensibili relativi alla vostra carta di credito o al conto corrente, non rispondete a nessuna richiesta! Si tratta di una truffa”.

Più informazioni su