Seguici su

Cerca nel sito

Il sindaco Forte inaugura il parcheggio di Trivio

Un intervento atteso dalla cittadinanza

Più informazioni su

Il Faro on line – È stata inaugurata alla presenza del sindaco Forte l’area del parcheggio di Trivio. Un intervento di completamento a supporto  della struttura di sosta già esistente, per una capienza complessiva di circa 80 posti auto al servizio della comunità di Trivio. La parte realizzata ed inaugurata alla vigilia di Natale consiste in 40 posti auto ed è collegata all’area già esistente e funzionale. Un progetto atteso dai cittadini di Trivio, trascinatosi per circa 20 anni e che solo oggi ha visto la luce. Ad accompagnare il sindaco di Formia nel taglio del nastro era presente il consigliere comunale Alberto D’Angiò: “ Si tratta di un intervento atteso dalla cittadinanza – spiega D’Angiò – un’ampia area di servizio pubblico a pochi metri dalla piazza principale. A fare da cornice alla struttura inaugurata è stato realizzato un mosaico ideato dal laboratorio artistico “ La Meridiana” diretto da Luigi Filosa. L’opera– che ha visto il fattivo contributo dei soci e volontari del centro socio culturale di Trivio – vuole rappresentare e significare gli angoli più suggestivi della frazione collinare. Una scenografia suggestiva che si avvale di una pavimentazione del terrazzo sovrastante e di un’aiuola di ciclamini colorati che rendono l’area di sosta più accogliente. In un clima di festa – alla presenza di centinaia di cittadini –  è stato subito dopo l’inaugurazione acceso il Ceppo Natalizio al suono delle zampogne. Una tradizione per Trivio ricorrente da ben 151 anni che vuole significare pace e amore per la vita. La frazione – ha dichiarato il sindaco – pur mantenendo intatto il suo fascino collinare si attrezza sul piano dell’offerta dei servizi ai cittadini. La fruibilità dell’intero parcheggio sta a dimostrare l’attenzione e l’interesse dell’amministrazione nei confronti della comunità di Trivio su opere pubbliche strategiche per lo sviluppo e la crescita del territorio”.

Più informazioni su