Seguici su

Cerca nel sito

Anffas: “Dall’Acea oltre duemila euro di discriminazioni”

"Dopo anni di lotte e battaglie l’associazione è riuscita a recuperare solo una parte del credito,"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Sette anni per ottenere da Acea scuse e un rimborso di 2.200 euro che a oggi dopo rimpalli, fax, incontri e decine e decine di rassicurazioni non è ancora arrivato. Due minuti per vedersi imporre il pagamento di 20mila euro di arretrati non conteggiati per un errore di Acea.
Niente di eccezionale, siamo in Italia, se non si trattasse del creditore: Anffas Ostia, una Onlus che per natura reinveste completamente gli eventuali avanzi di esercizio. Del mittente: una municipalizzata, quindi ente pubblico. E del pasticcio: credito vantato frutto di un maxi-versamento non dovuto. Insomma, oltre al danno la beffa. Una beffa da 2.200 euro (senza contare gli interessi che l’associazione neanche avrebbe preteso se fosse stato celere il processo) che Acea ostinatamente fa di tutto per non versare, impedendo di reinvestire questa somma in servizi o per pagare altre bollette”.

E’ quanto si legge in un comunicato stampa dell’associzione che spiega come la storia si trascini dal 2005 quando Anffas Ostia chiese ad Acea un potenziamento del servizio elettrico in vista della realizzazione di nuovi prefabbricati. “Il passaggio da 25 a 50 kw – spiegano – non avvenne mai, ma Acea pretese ugualmente i 3mila euro previsti per i lavori e 22mila di bollette arretrate, mai consegnate all’associazione, che tenevano conto di una rete da 50 kw che in realtà non c’è mai stata”.

Dopo anni di lotte e battaglie l’associazione è riuscita a recuperare parte del credito, ma ballano ancora sul tavolo 2.200 euro dei quali, evidentemente, Acea non vuole proprio sentir parlare.
Ottenute diverse rassicurazioni e inviate almeno una decina di volte le coordinate bancarie dove girare il credito: nulla. Nulla nemmeno i sei abboccamenti tentati in prima persona con Acea. L’ultimo, martedì scorso (31 gennaio). Risultato: all’ennesima richiesta, la replica di un soggetto non identificato dall’altra parte del ‘muro’: ‘I soldi? Li vedrete nell’anno del mai. Acea ha bloccato tutti i rimborsi. Vi conviene dare tutto in mano a un avvocato e poi il problema non è il mio…’.

“Se così fosse – dichiara il presidente di Anffas Ostia Ilde Plateroti – si tratterebbe di un atto gravissimo che si sommerebbe all’odissea burocratica che stiamo vivendo sulla nostra pelle. Lucrare o mostrare disinteresse per un cliente pagatore che, per di più, è un’associazione che da oltre 50 anni lotta e si adopera per garantire alle persone con disabilità un’esistenza migliore è un qualcosa che non possiamo accettare. Acea oggi ha 2.200 euro in più in tasca e un disprezzo senza senso nei nostri confronti”.

“Dopo aver recuperato il dovuto – aggiunge Stefano Galloni – avremo le dovute maniere per accompagnarli alla porta di uscita dell’associazione, dando informazione di quanto accaduto alle altre 200 realtà Anffas in Italia e ai circa 50mila soci, chissà che per Acea non sia una esperienza elettrizzante e un grande insegnamento”.

Più informazioni su