Seguici su

Cerca nel sito

Canale di Rio Martino, si va avanti

I lavori proseguono nell’attesa dei finanziamenti del Ministero

Più informazioni su

Il Faro on line – Mentre il presidente della Provincia di Latina, Armando Cusani, continua personalmente a seguire i lavori di “messa in sicurezza della bocca di accesso al canale di Rio Martino”, la ditta vincitrice dell’appalto, la Soc. Marcello Rossi SpA di Roma, prosegue alacremente in quelli programmati.
Il tutto nell’attesa che dal Ministero giungano presto altri finanziamenti (come previsto) per continuare l’importante programma d’intervento. Adesso, con l’unico stanziamento erogato dalla Provincia di Latina, la ditta Marcello Rossi sta lavorando al completamento della posa in opera delle boe galleggianti di segnalamento e delimitazione delle aree di cantiere a mare, alla costruzione delle scogliere di armatura della foce (che corrispondono al 33,53% dei lavori) e alla definitiva demolizione delle vecchie strutture (corrispondente al 11,28% dei lavori). Nella previsione di portare questi lavori  a completamento, quanto meno a sezione provvisoria e salvo avverse condizioni meteo, entro il prossimo mese di giugno, cioè prima della pausa prevista per la stagione balneare. Dal mese di settembre 2012 il crono programma  prevede invece la ripresa dei  lavori con l’avvio delle operazioni di escavazione/dragaggio dei fondali (corrispondenti al 6,24 % dei lavori) nella previsione di destinare buona parte del materiale sabbioso al ripascimento delle spiagge limitrofe.

Nel corso degli ultimi mesi sono invece state eseguite una serie di attività, quali la sistemazione delle aree di  cantiere poste a tergo della fascia demaniale marittima, la realizzazione di scavi a sezione aperta dei terreni  per le attività di “saggio geoarcheologico” dei luoghi interessati all’esecuzione della nuova struttura di banchina, la contestuale “bonifica geotecnica dei terreni”. Sono state poi realizzate paratie con pali accostati per contenere gli “impatti”, in tutto nel numero di 214: 107 dei quali in sinistra idraulica lato Sabaudia e 107 in destra idraulica lato Latina, posti in opera 174 micropali valvolati, con relativi interventi d’iniezione delle miscele cementizie. I lavori sino a oggi ultimati ammontano a circa il 35 % di quelli appaltati e corrispondono a circa l’82 % dei lavori da espletare a “terra”.

Soddisfazione, dopo l’ennesimo sopralluogo al cantiere di Rio Martino, è espressa dal presidente della Provincia di Latina, Armando Cusani. “La messa in sicurezza della bocca del Canale Rio Martino precede le opere da realizzare lungo lo stesso canale per circa 750 metri, a partire dalla foce verso monte per assicurare nel breve e medio termine il perseguimento degli obiettivi di riqualificazione ambientale e riassetto idrogeologico dell’area, rispondendo nel contempo ai moderni requisiti del turismo nautico e balneare che costituiscono la principale risorsa e “vocazione” di sviluppo socio-economico territoriale. Dopo la sistemazione dello sbocco a mare saranno rinaturalizzate le sponde per l’intera lunghezza del canale e realizzato un tratto del canale tra il ponte della Fossella e la immissione del Cicerchia, privo di sistemi di attracco per imbarcazioni e  realizzare così  un’area faunistica.

In particolare saranno realizzati 8 tratti di ormeggio costituiti con pontili galleggianti, 4 per ciascun lato, della lunghezza di 200 metri ciascuna, intervallate da tratti liberi di sponda naturale, per una ricettività massima di 400 imbarcazioni di 5-8 metri di lunghezza, distribuite in 50 imbarcazioni per pontile”.
Come ho potuto costatare in cantiere, salvo imprevisti dell’ultimo momento, i lavori procedono in maniera spedita e il loro termine è nelle previsioni del crono programma indicato. Al momento non ci rimane altro che attendere che gli altri enti impegnati nel sostenere l’opera facciano celermente la loro parte, per consegnare ai cittadini e alle imprese economiche del mare un tratto di territorio abbandonato per troppo tempo”.

Più informazioni su