Seguici su

Cerca nel sito

Visita di una delegazione doganale libica

In Italia per sottoscrivere un accordo nazionale con l'Agenzia delle Dogane

Più informazioni su

Il Faro on line – Nel porto di Civitavecchia oggi c’è stata la visita ufficiale di una delegazione doganale libica, guidata dal rappresentante del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale della Libia, in Italia per sottoscrivere un accordo nazionale con l’Agenzia delle Dogane e per una serie di incontri di approfondimento e aggiornamento sulle attività delle dogane italiane.

Accompagnati da Hagi Ali Dhan, Presidente del dipartimento di cooperazione europea del Ministero degli esteri libico, il direttore delle dogane libiche Salem Ezabi e i suoi collaboratori, Hobba Hanan Mohammed e Saeh Abdelhamid,  hanno ringraziato per l’ospitalità e per l’accoglienza il segretario generale dell’Autorità Portuale di Civitavecchia Giuseppe Guacci, la Dott.ssa Roberta De Robertis, direttore della direzione interregionale del Lazio e dell’Abruzzo e il Dott. Eugenio Ursi, direttore della dogana di Civitavecchia.

I rappresentanti libici hanno spiegato le attività che si svolgono, attualmente, in Libia in materia doganale e hanno chiesto una reciproca e fattiva collaborazione nelle gestione e nel controllo dell’import ed dell’export dalla Libia all’Italia e viceversa.

I direttori doganali, sia interregionale che locale, a loro volta hanno illustrato il lavoro che quotidianamente viene effettuato dalle dogane, sia a livello nazionale che locale, e hanno descritto le attività e le operazioni che l’Agenzia delle Dogane conduce nel contrasto dei traffici illeciti.

Il Segretario Generale Giuseppe Guacci ha esposto quali sono le competenze e le peculiarità dell’Autorità Portuale di Civitavecchia, sottolineando l’importanza e del fatto che il Lazio possa contare su un network che comprende anche i porti di Fiumicino e Gaeta.

Inoltre Guacci ha illustrato quanto avviene nello scalo a nord di Roma sia per i trasferimenti ro/ro, i container e le merci e, infine, ha chiesto ai rappresentanti libici di farsi portavoce per riattivare un collegamento diretto con la Libia in modo da ripristinare i rapporti commerciali già esistenti con la Libia e da attivarne di nuovi.

A margine dell’incontro c’è stato il consueto scambio di crest e successivamente la delegazione  ha effettuato un giro del porto per vedere di persona quello che avviene nello scalo civitavecchiese.

Più informazioni su