Seguici su

Cerca nel sito

“Con il no alle Olimpiadi cade la bugia di Adr sul raddoppio aeroportuale”

"C’è bisogno di un cambiamento, di una nuova classe dirigente"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Con il no del Governo Monti alle Olimpiadi di Roma 2020 decade uno dei perni centrali, o meglio la scusa principale con la quale si è portato avanti fino a oggi con ostinazione l’insensato piano di raddoppio aeroportuale. E viene meno una delle bugie sulle quali AdR ha costruito un inutile castello di sabbia. Più che estendere il sedime aeroportuale è necessario potenziare l’efficienza del Leonardo Da Vinci, soprattutto ora che mancherà quella partnership pubblica sulle infrastrutture viarie e di collegamento da e con l’aeroporto”.
E’ quanto si legge in un comunicato stampa a firma del gruppo consiliare del Partito democratico di Fiumicino.
“Il Pd locale, dando seguito con i fatti alle numerose battaglie pubbliche a sostegno del territorio, ribadisce il proprio no a ogni tipo di speculazione che ricada su una città che ha assistito impotente alla distruzione di realtà lavorative importanti come l’Argol e si prepara a una nuova ondata di licenziamenti, cassintegrazioni ed esternalizzazioni dei servizi ordinata da AdR, la stessa che parla di raddoppio e di 230mila nuovi posti di lavoro”.

“Il no alle Olimpiadi è anche una bocciatura della classe politica italiana e della logica che ha caratterizzato questi anni di malcostume di cui il centrodestra locale non è immune, affannato com’è a perpetrare logiche clientelari che hanno portato il paese dov’è. C’è bisogno di un cambiamento, di una nuova classe dirigente che oggi solo il centrosinistra può rappresentare, alla faccia degli slogan e dei proclami che per nove anni ci hanno rifilato”.

Più informazioni su