Seguici su

Cerca nel sito

Marco Zoni e il suo flauto, oggi all’Auditorium di Fondi

La manifestazione è organizzata dall’Associazione musicale “Ferruccio Busoni” in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura

Più informazioni su

Il Faro on line – Si terrà Sabato 18 febbraio alle ore 18.30 presso l’Auditorium comunale con ingresso gratuito il concerto finale della masterclass in flauto con il maestro Marco Zoni, Primo flauto dell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano. La manifestazione, organizzata dall’Associazione musicale “Ferruccio Busoni” in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Fondi, è inserita nell’ambito dei corsi di perfezionamento musicale di InFondi Musica, nati ad Aprile 2011 sotto la direzione artistica del maestro Gabriele Pezone e che, in meno di un anno, hanno fatto sì che alcuni tra i più noti nomi nel panorama musicale italiano venissero a Fondi in qualità di docenti, favorendo la partecipazione di decine di ragazzi da ben otto regioni italiane.

Il concerto vedrà esibirsi tutti i corsisti – tra cui il prodigioso undicenne Riccardo Cellacchi – che saranno affiancati dal maestro Zoni nelle loro performance. Marco Zoni, bresciano classe  1969, fin dall’età di 6 anni muove i suoi primi passi nell’apprendimento della musica e del flauto con il padre clarinettista, diplomandosi nel 1987 presso il Conservatorio di Musica di Brescia. Si perfeziona in seguito con i maestri Glauco Cambursano, Andreas Blau, Peter Lukas Graf e, nel 1987, viene ammesso al Conservatorio Superiore di Musica di Ginevra dove studia con il maestro Maxence Larrieu conseguendo nel 1990 “Le Premier Prix de Virtuositè de Flute avec distinction”. Nel 1991 ottiene il ruolo di primo flauto dell’Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano dove ricopre il posto fino al 1998, anno in cui inizierà la collaborazione con l’orchestra del Teatro alla Scala di Milano e dell’omonima Filarmonica in qualità di primo flauto.

L’attività in orchestra gli ha permesso di suonare sotto la direzione dei maggiori direttori contemporanei, tra cui Riccardo Muti, Riccardo Chailly, Daniel Baremboim, Zubin Metha, Valery Gergiev, Georges Prêtre, Lorin Maazel, Yuri Temirkanov, Myung-Myung-Whun Chung, Daniel Harding, Rafael Frühbeck de Burgos, Jeffrey Tate, Gianandrea Gavazzeni, Giuseppe Sinopoli, Gary Bertini. Ha suonato in qualità di solista con alcune orchestre italiane esibendosi in importanti teatri nazionali e stranieri, in duo con il pianoforte e con il quintetto di fiati “Moderno”. All’attività d’orchestra e di solista affianca quella di insegnante tenendo masterclasses in alcuni Conservatori italiani, presso l’Accademia del Teatro alla Scala e in vari corsi estivi.

Più informazioni su