Seguici su

Cerca nel sito

Ambiente, arriva al porto una stazione di monitoraggio dell’aria

Monti: "Questo progetto vede l’Autorità Portuale volta a tutelare e garantire la salute pubblica"

Più informazioni su

Il Faro on line – E’ stata presentata presso la sede dell’Autorità portuale di Civitavecchia la nuova stazione fissa di rilevamento della qualità dell’aria, posizionata all’interno del porto, nei pressi della Darsena Romana. La stazione, già attiva da alcuni giorni, misura – tra l’altro – i valori di polveri sottili Pm10 e Pm2.5; i dati saranno poi pubblicati sui siti internet dell’Autorità Portuale e dell’ARPA. “Si tratta della prima centralina di questo genere in Italia” hanno spiegato soddisfatti il presidente dell’Authority Pasqualino Monti, il procuratore capo di Civitavecchia Gianfranco Amendola, ed i vertici dell’ARPA Lazio Corrado Carrubba e Giovanni Maria Arena, nel presentare il progetto.

“La stazione di monitoraggio – ha spiegato il commissario dell’ARPA Lazio Carrubba – è stata posizionata in un punto strategico: i venti di brezza che provengono dal mare per buona parte della giornata, ad esempio, porteranno alla centralina i fumi che provengono dalle navi ormeggiate in porto”.

“Questo progetto – ha spiegato Monti – vede l’Autorità Portuale volta a tutelare e garantire la salute pubblica e l’ambiente, al di là di quelle che sono le prescrizioni. Questo protocollo di intesa, infatti, è una nostra iniziativa, nell’ottica
di uno sviluppo ecosostenibile ed ecocompatibile”.

“Quello di oggi – ha sottolineato poi il procuratore capo Amendola – è un progetto molto importante. La legge non ha senso senza adeguati controlli. E i controlli vanno fatti sotto la supervisione dell’ente pubblico. Ecco perché sono
molto soddisfatto del risultato”. Il Subcommissario dell’ARPA Lazio, Giovanni Arena, ha evidenziato l’ottima collaborazione instaurata con Molo Vespucci “che ci ha permesso di passare in pochi mesi dalla firma del protocollo, datata ottobre 2011, all’installazione della stazione di rilevamento. Purtroppo non sempre si riesce a passare così velocemente dagli accordi alla loro concreta realizzazione”.

Più informazioni su