Seguici su

Cerca nel sito

Bosco dell’Arrone, l’oasi apre al pubblico

Sabato 25 febbraio. Si tratta di un’area verde estesa su una superficie di 40 ettari di antiche foreste e dune

Più informazioni su

Il Faro on line – Dopo l’inaugurazione del Bosco dell’Arrone, la terza Oasi Wwf presente sul territorio di Fiumicino insieme a quella di Macchiagrande e le Vasche di Maccarese, per festeggiare sabato 25 febbraio l’area sarà aperta per la prima volta al pubblico dalle ore 10 alle ore 17. Per l’occasione saranno organizzate due escursioni, alle ore 10.30 e alle 14.30, condotte da guide del Wwf. 
 
Si tratta di un’area verde estesa su una superficie di 40 ettari di antiche foreste e dune miracolosamente scampata alla cementificazione selvaggia del litorale romano. Con il bosco dell’Arrone, l’associazione ecologista ha realizzato un “triangolo verde” di 350 ettari a circa mezz’ora da Roma.
 
Il progetto risale a maggio dello scorso anno quando il Wwf avviò la campagna Una nuova Oasi per te in occasione dell’Anno internazionale delle foreste. Ed a distanza di nove mesi, grazie alla generosità di tanti cittadini che si sono adoperati per la salvaguardia di preziosi boschi, è nata una nuova oasi, una zona protetta inserita nel sistema di una rete di grande valore naturalistico.
 
L’ultima arrivata in ordine di tempo tra le Oasi si estende sul lungomare di Maccarese e Fregene e rappresenta una vittoria contro la speculazione edilizia ed il degrado, aperta a tutti cittadini ed ai turisti che potranno apprezzarne le bellezze naturali, l’habitat tipico, la flora e la fauna. Vi fioriscono piante rare come il frassino meridionale e il ranuncolo favagello ma anche le orchidee selvatiche. Tra gli animali che popolo questo splendido bosco diverse specie di uccelli tra cui cince, pettirossi, barbagianni, allocchi, falchi di palude e poi  istrici, donnole, raganelle e altre creature.
 
“La nascita di questa nuova oasi ci dà una grandissima emozione”, ha dichiarato durante la presentazione Fulco Pratesi, presidente onorario di Wwf Italia: “con il bosco dell’’Arrone viene messo per sempre al sicuro uno degli ultimi lembi delle foreste umide che fino a un secolo fa coprivano la costa tirrenica”.
Un contributo importante alla realizzazione dell’area si deve alla Maccare spa, la società agricolo che ha condiviso l’obiettivo della campagna, ai partner dell’iniziativa ed a molti personaggi famosi che, in qualità di sponsor, hanno reso possibile il progetto. Il Bosco dell’Arrone da giovedì 16 febbraio è così entrato ufficialmente a far parte del sistema delle oltre 100 Oasi Wwf presenti in tutta Italia.
Appuntamento sabato 25 febbraio presso l’ingresso principale a via Sestri Levante, Fregene nord, angolo con via Tirrenia, Maccarese. Il cancello si trova di fronte la Torre di Maccarese.
Maria Grazia Stella

Più informazioni su