Seguici su

Cerca nel sito

Guerra avvisa: “Simald siamo pronti”

Il grido di sfida della Futsal Isola in vista dello scontro calcistico

Più informazioni su

Il Faro on line – Dribbling, magie nello stretto, corsa. Quantità e qualità a servizio della squadra. Mike Guerra, il venezuelano dai piedi vellutati, quello della sterzata e ripartenza in velocità, c’ha messo un attimo per prendersi l’Isola. Con lui in campo non si scherza. Gol ma soprattutto assist. Quest’anno ne ha sfornati a decine, senza parsimonia. Colaceci, Montenero, Imperato, Arribas, Verrone e via così, hanno ringraziato e infilato la porta avversaria.

“Soddisfatto? Abbastanza, anche se non mi sento al cento per cento”. Da quest’estate gioca con il freno a mano tirato. Il fastidio al ginocchio non lo lascia in pace un attimo. “Sono al sessanta per cento, vengo da un brutto infortunio. Ma sono comunque contento, cerco di fare il meglio, mettermi a disposizione del mister e dei compagni. Questo mi dà tante motivazioni”. Sabato con i suoi strappi è stato determinante per sbancare Civitavecchia, campo che in questa stagione era stato tabù per tutti, Artena unica eccezione: “Ora ci siamo anche noi – sorride -. Ma non è stato facile. Abbiamo iniziato sotto ritmo e loro si sono sistemati bene in campo dandoci parecchio filo da torcere e mettendoci in difficoltà. Siamo riusciti a segnare all’ultimo secondo del primo tempo. Andare negli spogliatoi in vantaggio dopo una partita così difficile c’ha dato grandi motivazioni e un pizzico di sicurezza in più. Ma è stata comunque una battaglia. Devo fare al Civitavecchia i miei complimenti, sono stati bravissimi”.

Per una volta l’Isola ha lasciato a casa il cuore e giocato calcolando le mosse degli avversari: “Sapevamo che era difficile e di non essere al massimo dopo la sosta, quindi abbiamo aspettato in attesa di un errore. Siamo stati bravi e fortunati a punirli al momento giusto”. La sosta, Guerra non si nasconde: “Ci manca il ritmo partita, ci siamo allenati bene ma giocare è tutta un’altra cosa. Speriamo con la Simald Ardenza di essere al massimo”. La Simald. Al PalaDanubio ci si giocherà un pezzo di campionato: “Sono un’ottima formazione, dovremo batterci al cento per cento per spuntarla”. All’andata fu espulso per una svista arbitrale. Mentre in coppa masticò amaro per l’eliminazione: “Diciamo che la Simald non mi porta bene, speriamo di invertire la tendenza”. Sarà necessario non sbagliare nulla: “Dovremo essere bravi, altrimenti sarà dura”. Non crede a una squadra in difficoltà per gli impegni in coppa Italia: “Giocheranno alla grande, la stanchezza non la sentiranno. Vorranno fare una grande partita per accorciare la classifica e non perdere il treno”.

Più informazioni su