Seguici su

Cerca nel sito

L’Andreoli Latina impegnata a Trento

Domenica alle 18 si chiude la stagione regolare con tutte le gare della Serie A1 Sustenium giocate in contemporanea

Più informazioni su

Il Faro on line – Domenica alle 18 si chiude la stagione regolare con tutte le gare della Serie A1 Sustenium giocate in contemporanea. L’Andreoli è impegnata a Trento contro i primi della classe. Mentre l’Itas ha la matematica certezza della sua posizione e partirà nei playoff come testa di serie numero uno, il Latina ha l’intento di mantenere l’ottavo posto con Vibo e Roma ancora in corsa. I calabresi sono impegnati a Monza con l’Acqua Paradiso, mentre i capitolini se la vedranno con il Fidia Padova che con una vittoria potrebbe ancora salvare la stagione (Verona e San Giustino impegnate sui campi di Macerata e Piacenza). Le sfida tra Trento e Latina è importante anche per la composizione dei gironi di playoff, l’Andreoli chiudendo ottava giocherebbe proprio a Trento il raggruppamento insieme all’eventuale 12ma classificata.

L’Itas in questo campionato ha perso solo due gare, entrambe nel girone di andata: in casa da Macerata 2-3 e proprio a Latina 3-1, quindi i pontini sono stati gli unici a battere Trento senza lasciargli punti. Se si prende in esame l’intera stagione Trento ha vinto il titolo Mondiale chiudendo a Doha imbattuta, ha vinto la Coppa Italia (imbattuta) e chiuso al terzo posto la Champions con tre sconfitte per un bilancio totale di 40 vittorie su 45 gare giocate. Il tecnico Radostin Stoytchev da quando ha conseguito la matematica certezza della prima posizione sta effettuando un turnover attingendo molto dalla panchina, nell’1-3 di Verona ha schierato Zygadlo al palleggio e Stokr opposto, Burgsthaler e Djuric al centro, Juantorena e Lanza di banda con Bari (in ricezione) e Colaci (in difesa) liberi lasciando in panchina Kaziyski, Birarelli (entrato al secondo set) e Raphael. Anche Prandi nelle ultime gare ha cambiato lo schieramento, contro Ravenna ha schierato Sottile in regia e Jarosz opposto, Gitto e Cester centrali, Rivera e Diachkov schiacciatori e De Pandis libero. Il Latina viene da tre sconfitte consecutive al tiebreak con Modena, a Padova e con Ravenna.

Le dichiarazioni

Gianrio Falivene: “Andiamo a Trento per chiudere nel migliore dei modi la stagione regolare e prepararci ai Play Off. La società sta proseguendo il suo progetto di mantenere a Latina una formazione di alto livello e già stiamo programmando la prossima stagione. Ma prima vogliamo chiudere questa con il massimo risultato possibile. Siamo stati una delle poche squadre a battere Trento e scendiamo in campo per ripeterci”.

Enrico Cester: “Sono contento che Berruto mi da questa nuova possibilità di vestire la maglia azzurra. Lo scorso anno sono stato sfortunato, mi sono fatto male, spero quest’anno di avere l’opportunità di fare il mio primo esordio in maglia azzurra. Sarà una trasferta difficile contro i primi della classe, speriamo di far bene come all’andata dove abbiamo espresso un ottimo gioco”.

Roberto Serniotti (Itas Diatec Trentino): “Sarà una partita di sicuro interesse; i nostri avversari hanno disputato un ottimo campionato in un contesto di mercato non facile e lo hanno valorizzato ulteriormente con la vittoria ottenuta nella partita d’andata. E’ l’unica squadra che non siamo riusciti ancora a battere in questa stagione, quindi credo che le motivazioni non mancheranno, nonostante l’incontro sia poco significativo per la nostra classifica. Silvano Prandi resta uno dei migliori allenatori in circolazione e saprà sicuramente metterci in difficoltà; l’incontro sarà intrigante anche in chiave playoff: potremmo ritrovarci di fronte a Latina anche nel corso del prossimo weekend”.

Jan Stokr (Itas Diatec Trentino): “Il match contro l’Andreoli non sarà comunque privo di significati come potrebbe far presupporre la nostra classifica: sarà anzi l’occasione per capire quale sia la nostra condizione a pochi giorni dall’inizio dei Playoff. E poi vogliamo vincere per cancellare il brutto ricordo della sconfitta subita all’andata. Ci sono quindi diversi motivi per voler ben figurare anche in quest’ultimo impegno della stagione regolare”.

Più informazioni su