Seguici su

Cerca nel sito

Aggrediscono e rapinano due cingalesi

Arrestato un 21enne romano. Si cercano i complici

Più informazioni su

Il Faro on line – I carabinieri della Stazione di Casal Palocco con la collaborazione dei colleghi del Nucleo Radiomobile di Roma, hanno arrestato un 21enne del luogo con l’accusa di rapina e lesioni personali aggravate in concorso. Tutto è accaduto in via Canale della Lingua. Erano le 16:00 circa quando, per ragioni di viabilità, quattro giovani a bordo di un’auto Toyota Aygo, hanno avuto a che dire con due cingalesi che viaggiavano lentamente a bordo della loro utilitaria. Dopo aver effettuato una pericolosa manovra, i 4 giovani hanno arrestato la marcia, sono scesi dal mezzo, si sono avvicinati ai cingalesi e, dopo averli minacciati e ingiuriati, li hanno fatti scendere per poi picchiarli con calci e pugni, dinanzi gli occhi sbigottiti degli automobilisti di passaggio e di una donna, loro connazionale, rimasta seduta in macchina, la quale, terrorizzata ha telefonato al 112 informando i carabinieri.

Durante l’aggressione, i 4 balordi sono riusciti a rubare una catenina e un bracciale in oro, indossati da uno dei due malcapitati dopodiché, sono risaliti a bordo della loro auto e son fuggiti. Per fortuna, la donna è riuscita a trascrivere il numero della targa della Toyota riferendola ai militari intervenuti pochi istanti dopo. L’informazione fornita, ha consentito agli investigatori di risalire al proprietario, una donna residente in via Cleante, ubicata poco distante dal luogo del fatto. Poco dopo i carabinieri hanno trovato l’auto parcheggiata, con il motore ancora caldo sotto l’abitazione della donna. Sono bastate poche domande per far cadere in contraddizione il figlio 21enne convivente, operaio di professione, che era rientrato in casa poco prima; infatti, quando si è visto alle strette, ha confessato le sue responsabilità e, per questo, è stato arrestato con l’accusa di rapina e lesioni personali aggravate in concorso. I due cingalesi, rispettivamente di 24 e 48 anni, entrambi residenti a Roma da alcuni anni, sono stati condotti in ospedale dove, a seguito delle prime cure mediche, sono stati riscontrati affetti da lesioni in varie parti del corpo e giudicati guaribili in 6 e 21 giorni di riposo e cure.Sono ora in corso le indagini per risalire all’identità dei suoi complici.

Più informazioni su