Seguici su

Cerca nel sito

Tariffa rifiuti ridotta per chi effettua il compostaggio domestico

Iniziativa del Settore finanze e tributi del Comune di Latina

Più informazioni su

Il Faro on line – Il settore finanze e tributi del Comune di Latina, su iniziativa dell’assessore al bilancio Pasquale Maietta e del presidente della Commissione bilancio, Gianni Chiarato, ha presentato una proposta di deliberazione per l’approvazione di alcune modifiche al regolamento per l’applicazione della Tia2 (tariffa integrata ambientale). La proposta, che prevede una sensibile riduzione delle tariffe per le utenze domestiche che dichiarano di provvedere al compostaggio domestico della frazione organica dei rifiuti, è stata approvata all’unanimità dalla Commissione bilancio e dovrà ora essere portata all’esame del Consiglio comunale.

Nel dettaglio, la proposta prevede, appunto, l’applicazione di uno sconto del 30% sulla parte variabile della tariffa, a favore della sola unità abitativa di residenza, “per le utenze domestiche che dichiarano di provvedere al compostaggio domestico della frazione organica dei rifiuti solidi urbani a mezzo biocompostore, gestione in cumulo o concimaia, purché il processo risulti controllato, avvenga ad idonea distanza dalle proprietà confinanti, non sia causa di inconvenienti igienico-sanitari, non sia oggetto di atti emulativi ed il compost prodotto sia utilizzato sui terreni in uso a qualsiasi titolo dai richiedenti”. La riduzione si applicherà dal 30° giorno successivo a quello della richiesta. L’utente dovrà autorizzare il Comune di Latina ad effettuare verifiche al fine di accertare la reale pratica del compostaggio.

 “Abbiamo voluto dare un incentivo agli utenti che dimostrino di praticare il compostaggio domestico – afferma presidente della Commissione bilancio, Gianni Chiarato – Una iniziativa promossa insieme all’assessore Maietta, che ha trovato l’approvazione unanime e che conferma la nostra volontà di agevolare i cittadini che hanno comportamenti virtuosi rispetto  al tema dei rifiuti. Spetta ora al Consiglio decidere”.
 

Più informazioni su