Seguici su

Cerca nel sito

“Air Show 2012, una giornata di inferno”

Le critiche di Sel: "Vogliamo vedere tutti i conti e le autorizzazioni"

Più informazioni su

“Il Faro on line – Il 3 giugno 2012 rimarrà nella storia di Ostia come una delle peggiori giornate degli ultimi anni. Sei ore di manifestazioni acrobatiche soprattutto con aerei da guerra hanno attratto centiniaia di migliaia di persone che hanno bloccato la città fino a sera, mentre il rumore assordante degli aerei, certamente oltre i limiti consentiti, ha massacrato le orecchie dui tutti”.Lo afferma Sandro Lorenzatti, coordinatore Sel in XIII Municipio che prosegue: “Una versione miltarista di sagra paesana assolutamente fuorti dal tempo e che,  in giorni di crisi e di lutto come questi, è risultata offensiva e fuori luogo”.

“Il fatto che i soldi spesi provengano dai privati non cambia nulla, perché lo spreco e l’enorme disagio sono stati pubblici. E poi – continua – ci sono state anche ingenti spese pubbliche, probabilmente, a partire dall’intero gruppo della Polizia Municipale che è stato obbligato ad asservirsi alla manifetsazione per arrivare ai costi di pulizia delle strade”.

“Vogliamo andare a fondo a questa storia, ci sono molte cose ancora da chiarire e lo faremo con un esposto ed una interrogazione regionale: 1) quale assicurazione era stata stipulata e a spese di chi, in caso di incidente?, 2) quanto è costato in termini di lavoro ordinario e straordinario l’utilizzo di risorse umane delle autorità di Polizia, dell’Areonautica, della protezione Civile e delle ASL?, 3) Era stato richiesto il permesso di sorvolo delle aree protette? 4) erano stae ottenute tutt ele autorizzazioni comunali e regionali relative i vincoli ambioentali e paesaggistici (la costa è protetta da vincolo paesaggistico ed in parte da vincolo ambientale).Su queste ed altre questioni SEL XIII vuole far chiarezza: se in futuro si vorrà ripetere un’assurdità come l’Air Show dovranno cercarsi risorse e luoghi lontani e interamente privati e senza vincoli. Ai cittadini di Ostia non si possono imporre supplizi per fare guadagnare i soliti noti”.

“Anche in questo caso il Municipio XIII ha dimostrato di non essere all’altezza della situazione, nascondendo la testa vigliaccamente di fronte all’evidenza dei fatti: un’amministrazione seria e responsabile non avrebbe mai autorizzato un a manifestazione con queste aratteristiche, e certtamente mai nelle attuali circostanze. D’altronde da persone che vanno a Dubai a prendere idee su come ammazzare il territorio non ci si poteva aspettare altro”.

Più informazioni su