Seguici su

Cerca nel sito

Imposta di soggiorno, prima udienza del Tar

Secci e Ingrosso (Federazione del turismo Fiumicino): “Siamo fiduciosi che il tribunale possa accogliere il nostro ricorso”

Più informazioni su

Il Faro on line – Si è tenuta la prima udienza relativa al ricorso al Tar presentato contro il Comune di Fiumicino per chiedere l’eliminazione dell’imposta di soggiorno, che grava sulle strutture ricettive del Nostro Comune a danno degli albergatori, dei dipendenti delle suddette imprese e suprattutto dell’afflusso turistico. Il 24 maggio scorso il Tar si è espresso sulla richiesta di sospensiva dell’imposta di soggiorno e il Tar, ritenendo fondati i motivi del ricorso, ha momentaneamente deciso che: “Nella specie non si rivelano i presupposti per la concessione della tutela cautelare, fermo restando i dovuti approfondimenti nella sede di merito in ordine ai profili del ricorso”.

Il Collegio di Giudici, presieduto dal dottor Antonio Vinciguerra, nel corso dell’udienza non ha mancato di sottolineare “il grossolano errore del Comune nell’adozione dell’imposta”, in particolare “per la mancanza di scaglionamento” nell’applicare tale tassa tra gli hotel di una, due, tre, quattro e cinque stelle, non applicando alcun tipo di gradualità. Questa valutazione tuttavia, sempre secondo il Tar, non può che essere rimessa al merito del ricorso, non potendo essere oggetto di un provvedimento cautelare.

“D’altra parte – spiegano il presidente Quirino Secci e il segretario Alfredo Ingrosso entrambi della Federazione del turismo Fiumicino – il Comune, consapevole delle gravi carenze dell’imposta, ha cercato di porvi rimedio mediante un tentativo di modifica del regolamento, approvato dalla giunta il 17 aprile del 2012 per poi cercare, senza successo, di farla approvare nel corso dell’ultimo Consiglio comunale. L’imposta resta quindi momentaneamente in vigore e non ci resta che attendere dunque con serenità insieme con l’avvocato Dario Faratro che ci assiste in questa battaglia, la decisione dei giudici del Tar relativa la punto principale del ricorso: l’abolizione della tassa di soggiorno. Nel frattempo, per evitare equivoci, vogliamo ricordare a tutti gli associati e simpatizzanti delle varie strutture ricettive che la tassa di soggiorno, benchè non condivisa va pagata secondo le modalità indicate dal Comune”.

“Siamo fiduciosi che il Tar possa accogliere il nostro ricorso dandoci ragione. La Federazione del turismo di Fiumicino invita i Consiglieri di Maggioranza che parteciperanno alla maratona comunale convocata dal presidente Mauro Gonnelli che si svolgerà in tre date: (Mercoledì 6 giugno 2012 alle ore 15:00, Giovedì 7 giugno 2012 alle ore 15:00 e Venerdì 8 giugno 2012 alle ore 09:00) di non imitare in materia di tasse il Premier Monti e di non votare la modifica della tassa di soggiorno (ammazza turisti) ma chiederne l’abolizione”.

Più informazioni su