Seguici su

Cerca nel sito

Mare Sicuro, prevenzione a 360 gradi

Massima attenzione alla sicurezza in mare ruolo cardine della Guardia Costiera

Più informazioni su

Il Faro on line – Presentata quest’oggi presso la Capitaneria di Porto di Civitavecchia, in contemporanea nazionale, l’operazione “Mare sicuro 2012”, campagna di prevenzione della Guardia Costiera predisposta dal Comando Generale del Corpo, per assicurare a tutti i frequentatori una stagione serena in mare, sulle spiagge e nei maggiori laghi italiani.

Il meccanismo, predisposto dalla Capitaneria di Porto di Civitavecchia – guidata dal Capitano di Vascello (CP) Pietro Vella – per far fronte alla stagione balneare che terminerà il 9 di settembre, vedrà l’impiego di oltre 100 persone tra uomini e donne e 15 mezzi, navali e terrestri, per controllare gli oltre 80 chilometri di costa del Compartimento marittimo.Scopo primario dell’operazione sarà quello di prevenire gli incidenti sui litorali e garantire il sicuro svolgimento delle attività balneari e di turismo nautico (si fa presente  che, in Europa, l’annegamento è ancora la prima causa di morte per i bambini di fascia d’età da 1 a 4 anni).

Proprio in ragione di ciò massima attenzione sarà dedicata alla sicurezza in mare, ruolo cardine della Guardia Costiera, quale Autorità preposta al coordinamento dei soccorsi in mare. Importante opera è stata attuata dalla Capitaneria di Porto a favore di molti studenti di diverse fasce d’età, al fine di sensibilizzare i più giovani, al corretto uso del mare, per una fruibilità corretta e responsabile.

Non mancheranno, tuttavia, azioni repressive, laddove ci fossero comportamenti pericolosi e illeciti che possano mettere in pericolo la vita dei bagnanti, dei subacquei e degli stessi diportisti o arrecare danni all’ambiente marino.Difatti, a tutela di quest’ultimo, la Guardia Costiera non abbasserà la guardia effettuando verifiche periodiche, avvalendosi della collaborazione dell’Università della Tuscia – con la quale è in atto un protocollo d’intesa – e dell’ARPA Lazio, senza tralasciare, infine, i controlli sull’inquinamento atmosferico delle navi in porto. Si ricorda, che il numero blu 1530 per le emergenze in mare è attivo gratuitamente 24 ore su 24, sul territorio nazionale e afferma l’impegno della Guardia Costiera alla salvaguardia della vita umana in mare.

Più informazioni su