Seguici su

Cerca nel sito

Favorire l’incontro tra generazioni

Il Faro on line - "I dati sull'invecchiamento della popolazione ci dicono che non si puo' più avere un approccio solo sanitario, ma e' necessario mettere in campo risposte più integrate con il sociale. Questa costituisce una priorita' della Giunta Polverini, sia negli interventi sia a livello strutturale con la riforma sociale che ha tra le sue priorita' l'integrazione socio-sanitaria, investendo sul terzo settore e sulla famiglia". Lo ha dichiarato l’assessore alle Politiche sociali e Famiglia della Regione Lazio, Aldo Forte, intervenuto alla tavola rotonda ‘Anziani e Giovani. Confronto e prospettive’ organizzata dall’Ancis Politeia Onlus nell’ambito del Sanit. “Ad ogni modo, credo che sul tema della terza eta' serva una rivoluzione culturale. – ha aggiunto Forte –  Gli anziani possono sostenere e non solo essere sostenuti. Non a caso l'Unione europea ha proclamato il 2012 come anno dell’Invecchiamento attivo.

I pensionati sono una risorsa, non solo in famiglia ma anche nelle comunita' dove possono curare, ad esempio, i beni comuni come le aree  pubbliche, tanti piccoli e grandi musei che spesso nei Comuni restano chiusi. Un maggiore coinvolgimento che deve partire dall’incontro e dalla reciproca solidarietà tra le generazioni, dalla trasmissione dei saperi e delle radici, per scongiurare il rischio di fratture sociali che oggi, vedi la questione pensionistica, non sono solo dei facili allarmismi. Un incontro che - ha concluso Forte - noi stiamo favorendo anche con il Servizio civile, tanto che quest'anno il 75 per cento dei giovani sara' coinvolto in progetti di assistenza ai disabili e proprio agli anziani”. Forte ha poi visitato gli spazi dei progetti di ginnastica dolce per over65 e di prevenzione dentistica dell’Odontoambulanza promossi dall’assessorato, nei quali in questi giorni si stanno effettuando lezioni di dimostrazione e visite gratuite. “Sono progetti che stiamo promuovendo con i centri anziani, - ha aggiunto - che per noi costituiscono luoghi privilegiati dove monitorare lo stato di salute e di bisogno sociale e nei quali informare e orientare”.

Più informazioni su

Più informazioni su