Seguici su

Cerca nel sito

“Mobilita’ sostenibile, a Ostia piste ciclabili cancellate”

Notturni: "Il XIII ignora le richieste dei ciclisti. Condivido e sostengo le richieste portate avanti da Ostia in bici"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Sabato a Ostia si è svolta la “bicifestazione”, una manifestazione in favore della mobilità ecosostenibile alla quale hanno aderito oltre 200 ciclisti che, provenienti da tutti i quartieri dell’hinterland del municipio XIII e dal Lido, si sono ritrovati a piazza Anco Marzio. Ad organizzare l’evento, che ha visto la partecipazione di cittadini di tutte le età, le associazioni degli amanti delle due ruote, tra cui Ostia in bici. Quindi, tutti insieme, i ciclisti hanno deciso di recarsi in municipio per chiedere al presidente Giacomo Vizzani ed alla sua giunta attenzione ed investimenti per la mobilità. In particolare, “per dimostrare che non siamo solo “10 rumeni” come afferma il consigliere PdL, Piefrancesco  Marchesi”, i manifestanti hanno portato avanti diverse proposte, tra le quali, la sistemazione dei 50 stalli per le bici che adesso sono abbandonati nei magazzini presso le stazioni della Roma-Lido e lo stanziamento di una quota fissa per le ciclabili nel bilancio manutenzione strade. Tutte richieste ragionevoli e condivisibili”, dichiara Giulio Notturni, coordinatore romano giovani Cambiare davvero. 

“La risposta dell’amministrazione? Hanno chiuso le finestre e non li hanno ricevuti, benché  sapessero della manifestazione: perché questa maggioranza non dialoga con i cittadini? Perché non ascolta le loro richieste?”, prosegue l’esponente politico. “Condivido quindi la loro decisione di “invadere” pacificamente il lungomare in segno di protesta. I ciclisti hanno dei diritti e, come tutti i cittadini, vogliono sicurezza. Da qui la loro azione simbolica di disegnare una pista ciclabile con la vernice davanti il municipio”. 

“Non è giusto ignorare i bisogni espressi da tutti quei cittadini che hanno inforcato la bicicletta da Ostia antica, Acilia, Casalpalocco, Ostia e Infernetto per chiedere maggiori tutele ed anche un atteggiamento “moderno” rispetto alla mobilità alternativa”, sottolinea Giulio Notturni. “Rispetto e condivido le istanze portate avanti da Paolo Bonucci, presidente di Ostia in bici, che sempre in maniera molto civile ha manifestato il proprio dissenso per la miopia manifestata anche in questa occasione dalla giunta di destra”.

“Sottoscrivo”, conclude, quanto dichiarato dal presidente Bonucci, ossia che “nel XIII non solo non si fanno piste ciclabili nonostante il territorio sia estremamente favorevole, ma addirittura si cancellano dai progetti anche quelle future”. “La mobilità alternativa, in un territorio come il nostro, dovrebbe essere una delle priorità su cui investire, si dovrebbe incentivare un campo così importante per poter risolvere molti dei problemi di mobilità del nostro municipio e di tutto il Comune di Roma. A quando un cambiamento di mentalità?”.

Più informazioni su