Seguici su

Cerca nel sito

Amministrative a Fiumicino, il Pd unito e compatto con Montino

"Sulla sua possibile candidatura non abbiamo alcuna obiezione. E' una persona di alto spessore politico che siamo certi fara' la differenza"

Più informazioni su

Il Faro on line – A Fiumicino si respira ormai aria di elezioni e, in casa Pd, sembrano essere già emersi alcuni orientamenti su quello che sarà il futuro candidato a sindaco. Apparizioni e dichiarazioni pubbliche stanno dando forma, a quello che, fino a prova contraria, sarà l’esponente politico di riferimento per il centrosinistra. Ma se sul nome bisognerà attendere l’ufficializzazione del partito, tra gli esponenti locali, c’è una certezza: la scelta verrà stabilita attraverso il metodo delle Primarie.

“Montino non ha detto che farà il candidato a sindaco, – tiene a precisare il capogruppo del Pd, Michela Califano – però sulla sua possibile candidatura non abbiamo alcuna obiezione. Di certo ha le capacità per guidare un Comune importante come il nostro che ha bisogno di numerosi interventi”. 
Quale è lo scenario politico attuale?
“In politica – spiega – ci sono molti improvvisatori, ne è un esempio la larga maggioranza del sindaco Canapini che si è venuta a formare piano piano. Se in Consiglio avessimo avuto gente di spessore – conclude – non avremmo assistito alla compravendita di esponenti politici”. 

“Quella di Montino – spiega il consigliere comunale Paolo Calicchio – è una candidatura di alto profilo che, messa a servizio delle energie locali, può divenire un elemento di svolta per una città che da nove anni è spenta. Inoltre, può diventare una garanzia e un punto di riferimento per tutti quei giovani che cercano una persona di esperienza da cui imparare e crescere sotto il profilo politico”. 
Ci potrebbero essere divergenze sulla scelta del candidato all’interno del Pd? 
“Sull’elemento di esperienza e di qualità, siamo tutti d’accordo. Nel momento in cui il Partito democratico proporrà la sua candidatura, sempre rispettando la logica delle Primarie, saremo ben lieti di sostenerlo uniti e compatti”.

L’importanza delle Primarie è sottolineata anche Silvano Zorzi. “Tutto il Pd è d’accordo, nessuno accetterebbe un candidato imposto d’ufficio. Nel corso delle Primarie, infatti, verrà presentata una rosa di nomi… poi saranno i cittadini a scegliere”.
Una qualità di Montino? 
“Lo conosco dal lontano 1967. E’ una persona di alto profilo, molto apprezzata sia da destra che da sinistra. Le sue qualità? L’onestà, la trasparenza e la capacità organizzativa”.
Il primo intervento politico del futuro sindaco di centrosinistra?
“La riorganizzazione di tutta la macchina amministrativa che è fondamentale per mettere le basi a un buon andamento politico della città. In seguito c’è da risolvere la questione del porto turistico e l’avviamento porto commerciale”. 

Roberto Cini, presidente del Circolo “Aldo Moro” del Partito democratico di Fiumicino nel ribadire anche lui l’importanza delle Primarie nella scelta del candidato a sindaco, fa il punto politico sulla realtà del Partito democratico locale. “Il Pd, con tutte le sue incertezze, le sue contraddizioni e gli errori, rimane l’unica vera forza politica sul territorio che tramite i suoi Circoli, i Consiglieri e Dirigenti, non ha mai smesso di cercare il contatto con la gente, di provare a fare da cassa di risonanza dello loro lamentele e delle loro esigenze, offrendo una alternativa di governo e di prospettiva per la Città di Fiumicino diversa da quella rappresentata dell’esperienza fallimentare di questi otto anni di amministrazione di centrodestra”.

Riccardo Ragozzini

Più informazioni su