Seguici su

Cerca nel sito

“Arenauta, riqualificare il litorale”

Mitrano: "E' intenzione dell'Amministrazione studiare e definire una regolamentazione che favorisca la pratica del naturismo"

Più informazioni su

Il Faro on line – Tutelare l’ambiente, garantire la sicurezza, l’incolumità e la salute pubblica nel rispetto delle leggi. Sono questi gli obiettivi che hanno indotto il sindaco Cosmo Mitrano ad effettuare questa mattina, insieme all’assessore all’Ambiente Alessandro Vona, un sopralluogo lungo la fascia costiera con particolare riferimento alla spiaggia dell’Arenauta. Accompagnato da rappresentanti delle forze dell’ordine, con cui si era precedentemente incontrato per confrontarsi su un piano di sicurezza e di prevenzione dell’intero territorio, Mitrano ha voluto partecipare personalmente alle attività di vigilanza e di controllo. Le forze dell’ordine, attraverso un’azione sinergica, hanno constatato che era stata ripristinata la libera fruizione del tratto di arenile che nei weekend viene occupato abusivamente da tende. «Il sopralluogo – precisa l’assessore all’Ambiente e Turismo Alessandro Vona – è stato effettuato particolarmente in quel tratto di arenile troppo spesso utilizzato impropriamente per attendamenti, proprio laddove invece è necessario tutelare il sistema dunale e mettere in sicurezza le falesie». 

L’Arenauta è una spiaggia nota in Italia per essere frequentata anche da naturisti che prediligono collocarsi nel tratto di spiaggia diametralmente opposto a quello dei villaggi turistici e degli alberghi. A proposito dei naturisti, Mitrano ha annunciato che è intenzione dell’Amministrazione studiare e definire una regolamentazione che favorisca la pratica del naturismo in un tratto di arenile. «In tal modo – spiega il sindaco – possiamo tutelare i diritti dei naturisti, riqualificando una spiaggia nel pieno rispetto sia dell’ambiente naturale sia della legalità». Difatti, l’Arenauta ricade nel sito di Importanza Comunitaria, istituito per ottemperare a precise Direttive CEE e pertanto necessita di una particolare tutela tesa alla conservazione dell’habitat naturale senza alcuna alterazione ambientale. «D’altronde – conclude Vona – il ripristino della libera e pubblica fruibilità dell’arenile, nel rispetto delle leggi e della natura, potrebbe favorire il turismo naturista, portando a Gaeta un qualificato flusso turistico, con conseguenti benefici anche economici. 

Più informazioni su