Seguici su

Cerca nel sito

“Centro storico: la Rocca antica resta pubblica”

Il Sindaco Pascucci: "Ci eravamo impegnati con i cittadini, la Rocca pubblica entro i primi cento giorni"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Dopo essere stata per troppi anni inservibile e abbandonata la Rocca Antica, meraviglioso belvedere nel cuore del centro storico di Cerveteri, – ha proseguito Pascucci – è stata ristrutturata e aperta al pubblico. Durante la precedente Amministrazione aveva però rischiato di essere data in gestione a privati. Durante la campagna elettorale ci eravamo impegnati con tutti i cittadini di Cerveteri che saremmo intervenuti immediatamente per impedire che questo avvenisse. I beni pubblici devono restare a disposizione dei cittadini. Siamo convinti che il patrimonio pubblico debba restare tale e che questo valga in ogni settore. La delibera di Giunta approvata ieri prevede che sia l’Amministrazione comunale a prendersi carico degli interventi di restauro e miglioramento necessari a rendere fruibile e viva la terrazza dell’osservatorio panoramico. Valorizzare e far conoscere il patrimonio storico e paesaggistico del nostro territorio significa rilanciare il turismo e conseguentemente l’economia”. 

Collocata nel cuore del Centro Storico, la Rocca Antica, rappresenta uno dei luoghi più pittoreschi e romantici di Cerveteri; uno slargo sul quale sfociano i vicoli medievali della Boccetta e un punto privilegiato per osservare il mare e il pregevole patrimonio naturalistico e agricolo della nostra terra. 

Nel corso di un incontro pubblico tenutosi nella ex aula consigliare promosso dai rappresentanti del Centro Commerciale Naturale, il Sindaco aveva garantito che entro i primi 100 giorni del suo governo avrebbe prodotto un atto di tutela della Rocca. Impegno onorato formalmente ieri mattina, a 70 giorni dall’insediamento. “Sono molti i luoghi di Cerveteri – ha concluso il Sindaco Pascucci – dove si può ricevere la sensazione di quanto grande e meravigliosa sia la nostra Città. La Rocca Antica è uno di questi. Valorizzarlo sarà un nostro dovere”.

Più informazioni su