Seguici su

Cerca nel sito

“Sicurezza, bene le telecamere anche se non sono la soluzione”

L'associazione Sociale&Sicurezza plaude all'iniziativa del Comune di Fiumicino ma pone anche delle osservazioni

Più informazioni su

Il Faro on line – “La nostra Associazione – dichiara il vicepresidente Giulio Incoronato – non vuole entrare nella bagarre politica della questione, non ci occupiamo di politica ma solo delle tematiche  Sicurezza nella Regione”. L’associazione Sociale&Sicurezza plaude all’iniziativa del Comune di Fiumicino circa l’installazione di un sistema di video-sorveglianza e  di una centrale operativa all’interno della caserma dei vigili urbani.

“Entrando nello specifico, installare telecamere per la sicurezza nel territorio del Comune di Fiumicino applicando i fondi dell’art. 208 del codice della strada e’ un ottima iniziativa dell’Assessorato alla Vigilanza Urbana, ma non può essere la panacea nella problematica Sicurezza nel territorio di Fiumicino”.

“Quindi ok alle telecamere che hanno una duplice funzione: essere uno strumento di prevenzione un buon deterrente e strumento indispensabile alla Magistratura nonché alle forze di Polizia   all’individuazione degli autori degli eventuali reati. Ma, come scritto, non può essere il solo strumento la panacea alla risoluzione dell’annosa problematica. Circa un anno fa’ abbiamo giudicato positivamente l’apertura di un Posto di Polizia presso il presidio Sanitario di Fregene  poiché si sdoganava dalla politica precedente di chiusura ed accorpamento. Ma la situazione  non e’ migliorata anzi nel comune di Fiumicino vi sono circa 65 poliziotti per i 70mila abitanti: un agente ogni 1000 residenti o poco meno e questo rappresenta un dato allarmante, con un numero così esiguo di operatori, diventa chiaro come sia impossibile per loro monitorare un territorio vasto, con dieci località disseminate tra mare e campagna, spiagge e colline, tra arterie ad alto scorrimento e nuclei urbani isolati per chilometri”.

“Stesso discorso per le stazione dei Carabinieri sul territorio. La vastità del territorio – dichiara Incoronato – fa si che la maggior forma di deterrente contro la criminalità sia il controllo del territorio, una presenza che si garantisce con il personale e la prevenzione e in seconda battuta con le sedi delle forze dell’ordine. Compito delle Amministrazioni e delle Associazioni  sul territorio e quello di monitorare la situazione ed intervenire in modo opportuno attraverso il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica e il mondo politico  e non strumentalizzare la Sicurezza che non ha e non deve avere colore politico”.

Più informazioni su