Seguici su

Cerca nel sito

Siria, si mobilita l’Unicef di Civitavecchia

"Stiamo lavorando attivamente per fornire assistenza urgente a centinaia di migliaia di bambini e famiglie"

Più informazioni su

Il Faro on line – In molte parti della Siria continuano le violenze e  l’UNICEF è allarmato per il fatto che i bambini continuano a sopportare il peso più grande della tragedia. 

Per il Direttore generale dell’UNICEF Anthony Lake la priorità più urgente è quella di proteggere i bambini e le loro famiglie. “Gli occhi del mondo sono focalizzati sulle crescenti violenze in Siria, non dobbiamo dimenticare il fatto che i bambini non sono responsabili di questa tragedia e che stanno pagando un prezzo molto alto”, ha dichiarato Lake. “I bambini stanno perdendo le loro vite, le loro case, i loro genitori, la scuola. L’UNICEF sostiene le persone di coscienza ovunque e  invita tutte le parti a fare quanto in loro potere per proteggere gli innocenti”.

L’UNICEF sta lavorando con i propri partner per fornire assistenza urgente a centinaia di migliaia di bambini e famiglie che hanno abbandonato le loro case per sfuggire ai combattimenti. Le famiglie trovano riparo nelle scuole, nelle moschee e in altri edifici pubblici a Damasco e stanno ricevendo kit per l’igiene, materassi, coperte, così come cibo e altri aiuti per i loro figli. Durante il mese di luglio, nonostante il peggioramento delle condizioni di sicurezza e un limitato accesso a molte aree, l’UNICEF ei suoi partner sono stati in grado di raggiungere circa 94.000 persone, di cui il 90% bambini e adolescenti. 

Il deterioramento della situazione sta spingendo sempre più civili a fuggire dalla Siria per raggiungere i paesi vicini. Ad oggi, più di 130.000 rifugiati siriani – la metà dei quali bambini e adolescenti – sono stati registrati in Giordania, Libano, Turchia e Iraq. L’UNICEF e altre agenzie umanitarie forniscono loro molti aiuti essenziali, che comprendono acqua, servizi igienico-sanitari, istruzione e sostegno psicosocialeL’UNICEF Italia ha lanciato una campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi: Emergenza Siria. Con l’Hastag #Ancheio sto i bambini siriani si possono inviare, tramite Twitter e Facebook, messaggi di solidarietà per aiutare l’UNICEF a tenere alta l’attenzione sull’emergenza in SiriaPer l’emergenza Siria si possono effettuare donazioni all’UNICEF  tramite: 

– bollettino di c/c postale numero 745.000, intestato a UNICEF Italia, specificando la causale “Emergenza Siria” 

– carta di credito online sul sito www-unicef.it,  oppure telefonando al Numero Verde UNICEF 800 745 000 

– bonifico bancario sul conto corrente intestato a UNICEF Italia su Banca Popolare Etica: IBAN IT51 R050 1803 2000 0000 0510 051, specificando la causale “Emergenza Siria” 

– presso il Comitato UNICEF della tua città (elenco sul sito www.unicef.it).

Più informazioni su