Seguici su

Cerca nel sito

Bimbo di quattro anni cade in acqua, salvato dalla Finanza

L'episodio a Cala Nave. Sul posto i militari del Comparto Aeronavale delle Fiamme Gialle

Più informazioni su

Il Faro on line – L’attività di soccorso e assistenza in mare rappresenta un aspetto operativo concorsuale che il Comparto Aeronavale delle Fiamme Gialle ha sempre garantito agli amanti delle discipline nautiche. La diuturna presenza delle unità navali del Comando Regionale Lazio della Guardia di Finanza lungo il litorale laziale e in particolar modo nelle acque dell’Arcipelago Pontino offre la necessaria cornice di sicurezza in un bacino di mare fortemente interessato dalla presenza di imbarcazioni e navi da diporto italiane e straniere.

Nel pomeriggio della giornata di ieri, la vedetta V.A.I. 100 in forza alla Sezione Operativa Navale di Formia- IV Squadra Unità Navali di Ventotene, durante lo svolgimento dell’attività di vigilanza nelle acque del periplo dell’isola pontina di Ventotene, notavano un natante da diporto che a forte velocità dirigeva verso di loro.

In piena sicurezza l’equipaggio dell’unità delle Fiamme Gialle affiancava l’imbarcazione, notando immediatamente il forte stato di shock del diportista, il quale comunicava che a seguito di un’accidentale caduta a bordo il proprio figlio, un bambino di quattro anni, si era procurato una profonda ferita sulla regione frontale del volto e chiedeva pronta assistenza.
Celermente i finanzieri, vista la gravità del caso e tenuto conto del forte stato di agitazione del diportista decidevano di prendere  il ferito a bordo insieme alla madre, dirigendo immediatamente verso il porto di Ventotene, allertando telefonicamente, nel contempo, l’unità 118 per un tempestivo intervento medico.  

In pochi minuti, il bambino ferito era già nel porto del comune pontino e a disposizione del personale medico del poliambulatorio di Ventotene, che riscontravano una ferita lacero contusa alla regione frontale con stato commotivo e trauma cranico.

Vista la gravità della situazione, il personale sanitario tramite immediato ausilio di un elicottero del nosocomio di Viterbo, decideva l’immediato trasferimento del ferito presso l’Ospedale San Camillo di Roma per accertamenti medici piu’ approfonditi.

I finanzieri, successivamente, provvedevano ad accompagnare i genitori del bambino presso il porto di Ventotene, i quali prendevano imbarco sul mezzo di linea per Formia alla volta di Roma.

Ennesimo episodio che vede le Fiamme Gialle sempre pronte a fornire sostegno al fianco del cittadino. 

Più informazioni su