Seguici su

Cerca nel sito

Sciopero della fame contro la legge Porcellum

Califano e Vona (Pd): "Non si può continuare a chiedere ai cittadini di andare a votare sapendo che altri decideranno chi deve rappresentarci in Parlamento"

Più informazioni su

Il Faro on line – Il capogruppo del Pd, Michela Califano e il consigliere comunale Alessandra Vona il 24 settembre prossimo inizieranno uno sciopero della fame che durerà per 24 ore contro l’attuale legge elettorale, aderendo all’iniziativa “24 ore di digiuno per dire NO al Porcellum”, promossa dal Partito democratico regionale e nazionale. L’iniziativa segue le orme di Roberto Giachetti che da oltre un mese protesta e sciopera richiamando l’attenzione pubblica sulla necessità di modificare l’attuale legge elettorale. 

“Non si può continuare a chiedere ai cittadini di andare a votare sapendo che altri decideranno chi deve rappresentarci in Parlamento – affermano Michela Califano e Alessandra Vona -. Il rapporto con i territori, con gli elettori, toccare con mano i problemi, confrontarsi con comitati, associazioni e forze sociali è ormai prioritario per una classe politica che ha perso il contatto con la realtà, con la quotidianità. Ci vuole un’assunzione diretta di responsabilità. La democrazia non si difende con lo status quo, ma mettendo in campo azioni incisive che diano nuovamente voce alla gente, quella stessa gente che ogni giorno con il proprio sudore fa l’economia reale e non quella fittizia della speculazione e dei mercati finanziari. La democrazia va salvaguardata. Il digiuno? È un gesto, magari insignificante. Ma il mare è formato da gocce. E se tutti partecipassimo, allora potremmo davvero accendere la luce su questo argomento che viene continuamente rimandato, e non certo dal Pd”.

Più informazioni su