Seguici su

Cerca nel sito

Urbanistica, la Commissione adotta il modello “Smart City”

"Un approccio di sistema che consentirà di attrarre investimenti privati a tutto vantaggio della collettività"

Più informazioni su

Il Faro on line – Il modello “Smart City”, dopo essere arrivato in  commissione di Pianificazione Strategica, approda in Commissione Urbanistica, a dimostrazione che tutti i settori dell’amministrazione iniziano e saranno coinvolti dal modello Smart City. Il Presidente Raimondo Tiero ha inserito in discussione in Commissione il punto sollecitato dal Consigliere Maurizio Patarini per introdurre il modello Smart City nella pianificazione urbanistica dell’Ente. 

“L’amministrazione si andrà a dotare di uno strumento di pianificazione urbanistica che vedrà al proprio interno un nuovo modo di concepire gli interventi in ambito urbano- afferma Raimondo Tiero Presidente Commissione Urbanistica – che si differenzieranno rispetto al passato grazie ad una capacità di progettare in un’unica cornice tanti aspetti che fino ad oggi erano stati affrontati separatamente. Si pensa alla Città come ad una insieme di reti connesse – prosegue Tiero – le reti dei trasporti, la rete elettrica, la rete degli edifici, la rete dell’illuminazione pubblica, la rete delle relazioni sociali, reti interconnesse in ottica di risparmio ed efficienza, rispondendo sempre di più ai bisogni della cittadinanza ed al miglioramento della qualità della vita nello spazio urbano”.

“Non posso che essere esprimere soddisfazione- dichiara Maurizio Patarini Consigliere Comunale di Città Nuove – per come l’amministrazione si sta ponendo davanti ad un approccio di sistema che modificherà il modo intervenire all’interno della Città, consentendo di attrarre investimenti privati a tutto vantaggio della collettività. Il modello Smart City – prosegue Patarini – oltre che focalizzare l’attenzione su un nuovo modello di progettazione urbana, che considera l’impatto ambientale dell’insediamento stesso, produrrà nuovi modelli economici, strada che dobbiamo necessariamente percorrere”.

Più informazioni su