Seguici su

Cerca nel sito

Blitz di Impronte Verdi: “Il mare è di tutti”

Dieci volontari di Impronte Verdi per dire no al ticket per l’accesso alla battigia

Più informazioni su

Il Faro on line – Armati di striscioni e volantini gli attivisti di Impronte Verdi hanno invaso pacificamente le spiagge gaetane del litorale pontino. Obiettivo? Rivendicare il libero e gratuito accesso al mare. Ad organizzare l’iniziativa dieci attivisti del movimento cittadino Impronte Verdi. Dopo essersi dati appuntamento alle 12.00 su una spiaggia con accesso libero, gli attivisti a bordo di due pedalò sono approdati sulle spiagge che prevedono il pagamento della discesa a mare. Una volta arrivati, hanno aperto uno striscione da mare verso la spiaggia che riportava questo messaggio: “Il mare è di tutti. L’accesso non si paga”. Contestualmente hanno distribuito ai bagnanti un volantino che riportava un estratto della legge 296 del 2006 che tutela il libero accesso alla battigia: “E’ fatto obbligo per i titolari delle concessioni di consentire il libero e gratuito accesso e transito, per il raggiungimento della battigia antistante l’area compresa nella concessione, anche al fine della balneazione”

Le tante persone presenti interessate hanno finito con l’applaudire gli attivisti riferendo loro di alcuni casi di veri e propri abusi subiti. “Molti bagnati sono consapevoli di subire una violazione nel momento in cui vieni chiesto di pagare un ticket per accedere al mare – commentano gli attivisti di Impronte Verdi – ma troppo spesso isolati non riescono a combattere questa consuetudine assolutamente inaccettabile. Il libero accesso al mare deve essere garantito a tutti e non essendoci percorsi alternativi, anche i privati hanno il dovere di far accedere all’arenile senza pretendere alcun biglietto di ingresso. Noi di Impronte Verdi chiediamo all’ammnistrazione di intervenire con urgenza per fare in modo che ciò non accada più su alcune spiagge gaetane, mentre il nostro apprezzamento va a quei gestori che non chiedono alcun biglietto di ingresso. Questo è solo l’inizio, e quanto prima chiederemo un’interpellanza comunale per intervenire su una questione che da anni calpesta il diritto dei bagnanti di accedere alla battigia. Ma la nostra domanda è: perché il comune non è ancora intervenuto?”. Chi vuole liberamente accedere alla battigia e al mare attraverso uno stabilimento balneare o un area in concessione può farlo senza pagare alcun biglietto d’ingresso.

Più informazioni su