Seguici su

Cerca nel sito

Spaghettongola, oltre 7mila persone in quattro giorni

Soddisfatti gli organizzatori. Il ricavato della manifestazione servira' ad acquistare un defibrillatore da consegnare alla Croce Rossa Italiana
+ GUARDA LA FOTOGALLERY

Più informazioni su

Il Faro on line – Non poteva avere epilogo più felice la Spaghettongola di Fiumicino edizione 2012. La festa degli spaghetti alle vongole e del fritto di paranza ha superato le aspettative degli organizzatori, portando al parco Bezzi oltre settemila persone in quattro giorni. Sei quintali di vongole e 300 chili di spaghetti sui fornelli sempre accesi. Quattro quintali di cozze e altrettanti di frittura. Casse su casse di verdure e pomodori, conditi e grigliati. Un tripudio di gusto per palati esigenti a prezzi che più popolari non si poteva. Gli addetti alle cucine in questi giorni hanno dato il meglio di loro. Coordinazione, dinamicità, professionalità. Grande cura dei particolari e grande tempismo hanno permesso di gestire i numerosi clienti che ogni giorno si sono presentati davanti a loro quasi per metterli alla prova. E loro non li hanno delusi, tanto da ricevere in chiusura della manifestazione un caloroso e meritato applauso.

Nella serata conclusiva di domenica, circa duemila persone hanno affollato i tavoli fin quasi mezzanotte per gustare i prelibati piatti preparati dalla cucina. Giulia D’Andrea, del programma “Ti lascio una canzone” di Antonella Clerici, ha incantato il pubblico con la sua voce cristallina e i balli latinoamericani di David lo hanno fatto scatenare in pista.

“Quest’anno abbiamo deciso di portare la manifestazione da tre a quattro serate perché gli appassionati ce lo chiedevano – spiega Stefano Conforzi, presidente dell’associazione  ‘Il Faro all’Orizzonte”, organizzatrice dell’evento – ma di certo non ci aspettavamo una tale partecipazione. E’ una soddisfazione che condivido con tutti i volontari e con gli organizzatori materiali della festa, Pino Lo Buono e Mario Martini. Siamo felici di rappresentare un punto di riferimento per i cittadini di Fiumicino e di contribuire alla valorizzazione dei prodotti del nostro mare e della nostra terra.”

La Spaghettongola si è chiusa con il lungo e spontaneo applauso dei presenti quando gli organizzatori hanno comunicato che il ricavato della manifestazione servirà ad acquistare un defibrillatore da consegnare alla Croce Rossa Italiana. A Fiumicino, mai prima un evento ha saputo coniugare così compiutamente buona cucina, intrattenimento e solidarietà.

Più informazioni su