Seguici su

Cerca nel sito

“Acqua a Campo di Mare, un disservizio inaccettabile”

L'amministrazione comunale ottiene sull'approvvigionamento idrico

Più informazioni su

Il Faro on line – “Abbiamo preso l’impegno di risolvere il problema dell’approvvigionamento idrico in tutto il territorio e oggi possiamo dare ulteriori risposte ai concittadini di Campo di Mare che stanno vivendo una situazione di disagio inaccettabile”. Alessio Pascucci, Sindaco di Cerveteri, interviene sul tema dell’acqua rispetto al quale è stato condotto un nuovo costante e alacre lavoro da parte dell’Amministrazione Comunale proprio in questi giorni. “Abbiamo profuso il massimo dell’impegno possibile per cercare di risolvere il problema della scarsità idrica a Campo di Mare, andando anche oltre le responsabilità dirette del Comune. Stiamo affiancando i cittadini nel segnalare i disagi ai gestori privati del servizio attraverso colloqui e lettere. Dopo i nuovi disagi dello scorso fine settimana, siamo riusciti ad ottenere alcuni ulteriori risultati concreti”. 

In questi giorni il Sindaco Pascucci ha condotto con la Polizia Locale e l’Ufficio Tecnico comunale una serie di sopralluoghi per comprendere le cause reali della scarsità di acqua nella frazione balneare, a seguito dei quali si è appreso che si è verificata una riduzione del volume dell’acqua addotto al serbatoio centrale per circa 10 mc orari. Da questo derivano i pesanti disservizi di questi giorni. “Forse non tutti sanno – ha spiegato Alessio Pascucci – che il gestore idrico a Campo di Mare è la società privata Ostilia che si rifornisce da Acea Ato 2, Ferrovie dello Stato (RFI) e dal vicino comune di Ladispoli. Dopo un confronto con Ostilia, abbiamo contattato e incontrato i vertici sia di Acea Ato 2 sia e di Fs-RFI, dalle quali dipende la riduzione dell’approvvigionamento.  L’obiettivo è stato quello di individuare responsabilità e predisporre soluzioni possibili. Grazie all’intervento della Presidente Renata Polverini e dell’Assessore Stefano Cetica da me chiamati stamane, RFI ha potenziato il flusso con un aumento, già da oggi, di 6 mc orari. Inoltre abbiamo intimato con una lettera ufficiale ad Acea Ato 2 di predisporre un Piano di Intervento con l’invio immediato di autobotti al serbatoio idrico. Grazie a questo nuovo apporto il volume di acqua aumenterà di ulteriori 150/200 mc giornalieri. Dopo l’emergenza degli scorsi giorni l’Amministrazione comunale ha inviato autobotti a Campo di Mare, ma da oggi dovrà essere la stessa Acea Ato 2 a provvedere al rifornimento”. “Sappiamo benissimo –  ha proseguito Alessio Pascucci – che la struttura idrica attualmente in uso non è in grado di garantire un servizio maggiore di questo. Proprio per questo motivo già da un mese abbiamo ottenuto da Acea Ato 2 l’impegno di avviare in autunno i lavori per realizzare il collettore che risolverà definitivamente il problema”.

Il Sindaco Pascucci ha poi chiarito alcuni altri aspetti della vicenda. “È doveroso sottolineare che a Campo di Mare il Comune di Cerveteri non è proprietario della rete idrica e non ne è il gestore. Spetta alla società Ostilia garantire efficienza e puntualità nell’erogazione del servizio. Noi vigiliamo affinché questo avvenga. L’approvvigionamento idrico però è un diritto imprescindibile e proprio per questo, visto il disinteresse dei soggetti deputati, abbiamo deciso di intervenire prontamente. Ma l’emergenza non è affatto finita, per questo chiediamo a tutti i cittadini di non utilizzare l’acqua pubblica per usi diversi da quelli consentiti. Guardando i grafici dei consumi, infatti, si riscontra quotidianamente un picco coincidente con probabili irrigazioni dei giardini privati. Per superare la grave difficoltà è necessaria la collaborazione di tutti”.

Più informazioni su