Seguici su

Cerca nel sito

Rifiuti, Monti dell’Ortaccio come sito provvisorio

Il Faro on line - Questa mattina gli uffici della Regione Lazio hanno provveduto ad inviare al Commissario straordinario per il superamento dell’emergenza ambientale nel territorio della provincia di Roma, prefetto Goffredo Sottile, la richiesta di autorizzazione presentata dalla società Colari in ordine al sito di Monti dell’Ortaccio. ”Quello che mi ha portato sulla scelta di Monti dell’Ortaccio è l’urgenza del provvedere alla questione rifiuti. Mi è sembrato il sito più idoneo”, ha spiegato Sottile precisando che “ci è arrivato dalla Regione Lazio il progetto su Monti dell’Ortaccio dell’avvocato Manlio Cerroni. Oggi che ci è arrivato il plico e inizierà la procedura per arrivare alla Conferenza dei servizi che sarà convocata non appena saranno scaduti i termini per la consultazione e prima invieremo tutta la documentazione agli enti locali”.

“Abbiamo trasmesso il plico - spiega la presidente Renata Polverini - così come è stato ricevuto. Il sito Monti dell'Ortaccio è tra quelli indicati dalla Regione Lazio all'interno dell'analisi preliminare, tuttavia  in più occasioni ho avuto modo di ricordare come quell'area sia già ampiamente contaminata dal punto di vista ambientale. Non conosciamo ancora il progetto di Colari e in sede di Conferenza dei Servizi, che dovrà essere convocata dal commissario Sottile, la Regione Lazio si esprimerà nel merito”. Non si è fatta attendere la reazione del sindaco di Roma, Gianni Alemanno, il quale ha definito “Monti dell’Ortaccio una scelta sbagliata di fronte alla quale Roma Capitale ha sempre manifestato la propria contrarietà”. Il primo cittadino ha poi fatto sapere: “Chiediamo al prefetto Sottile una immediata convocazione di tutte le autorità del territorio, Roma Capitale, provincia di Roma e Regione Lazio, per spiegarci quali sono le sue reali intenzioni”.

Dello stesso parere il presidente del XV municipio Gianni Paris: “Io reputo una follia la scelta di Monti dell'Ortaccio. Noi in questi mesi con l'autorevolezza di presidenti di municipi abbiamo sempre evitato che le proteste assumessero forme più cruente, continueremo a provarci ma a questo punto non garantiamo. Io parteciperò alla fiaccolata del 4 nella Valle Galeria con la mia fascia tricolore perchè sento di rappresentare una popolazione che chiede giustizia - annuncia Paris - e confido nella sensibilità degli amministratori che hanno nelle loro mani la scelta perchè non venga perpetrato questo crimine nei contfronti della popolazione della Valle Galeria”.
Marco Staffiero

Più informazioni su

Più informazioni su