Seguici su

Cerca nel sito

Sequestrati 300 chilogrammi di tonno rosso

L'attività di controllo è stata svolta dalla Capitaneria sull'intera filiera della pesca

Più informazioni su

Il Faro on line – Rimane alta l’attenzione della Guardia Costiera sulla tutela della legale attività di pesca nel Compartimento Marittimo di Civitavecchia. Durante le attività di sbarco del pescato, un team dedicato della Capitaneria di Porto di Civitavecchia controlla giornalmente la rispondenza tra le quantità catturate e quelle dichiarate nei documenti di accompagnamento, effettuando altresì i controlli sulla presenza di eventuali esemplari sottomisura o protetti, con particolare riferimento alle specie protette nel Mar Mediterraneo tra cui il Tonno Rosso. Quest’ultima, infatti, rientra tra quelle specie a cattura contingentata i cui esemplari pescati devono essere prontamente denunciati alla competente Autorità Marittima di approdo.

A seguito di attività di indagine condotta dalla Guardia Costiera, coadiuvata da personale sommozzatore della locale ditta Cosepo, sono stati rinvenuti oggi in Darsena Romana 6 esemplari di “tonno rosso” per un totale di circa 300 Kg, la cui provenienza è stata accertata in seguito a carico di un peschereccio facente parte della flotta di Augusta in attività nel Compartimento di Civitavecchia: gli esemplari erano verosimilmente stati gettati in Darsena Romana al rientro da una battuta di pesca prima di giungere all’ormeggio.

I tonni, ormai non più commercializzabili, sono stati prontamente posti sotto sequestro e distrutti.All’equipaggio è stato contestata l’attività non regolamentare e si è provveduto a sanzionare il comportamento elevando verbali di carattere amministrativo per un totale di 8000 euro e decurtando 12 punti dalla licenza.

L’attività di controllo sull’intera filiera della pesca, dalla produzione fino ai punti di ristorazione, è compito istituzionalmente espletato dal Corpo delle Capitanerie di Porto ed il Comando di Civitavecchia, dimostra di tenere sempre alta l’attenzione per garantire che tale importante attività commerciale ed economica si svolga nel rispetto della legalità.

Più informazioni su