Seguici su

Cerca nel sito

Anticipazione di liquidità: il Comune presenta la richiesta

Si tratta di 4 milioni e 500.000 euro destinati ai debiti del passato

Più informazioni su

Il Faro on line – Inviata dal Comune di Gaeta, in data 29 aprile 2013, alla Cassa Depositi e Prestiti la richiesta di anticipazione di liquidità ex art. 1, comma 13 del Decreto Legislativo 35/2013, per far fronte ai debiti pregressi. 4 milioni e 500.000 euro: questo l’ammontare complessivo da finanziare per procedere ai pagamenti arretrati : debiti che il Comune ha accumulato negli anni  precedenti nei confronti di imprese commerciali private, come si evince dai dati documentati dal Dipartimento Finanze e Bilancio Comunale. 

“Un peso davvero gravoso per l’amministrazione cittadina, ereditato dal passato  – dichiara il Sindaco Mitrano – che ostacola la nostra azione di governo locale e, scatenando effetti moltiplicatori sulle imprese fornitrici, incidendo negativamente sulla loro liquidità, compromette la ripresa economica del territorio cui punta in modo deciso il nostro esecutivo. Il mio timore è che l’attuale situazione debitoria del Comune ci riservi ancora altre brutte sorprese, quanto emerso sinora potrebbe rappresentare una parte dello stato reale dei debiti”. 

Di qui l’esigenza di cogliere al volo l’ancora di salvezza lanciata dal Governo Monti con il D.L. Legislativo 35/2013, che allenta il Patto di Stabilità e dà il via al pagamento dei debiti commerciali scaduti della Pubblica Amministrazione, con la possibilità per gli Enti locali che non hanno disponibilità liquide, di chiedere un finanziamento, a valere sul Fondo appositamente istituito. Il comma 13 dell’art.1 del D.L. 35/2013 precisa che l’anticipazione di liquidità può essere richiesta per assolvere a ….debiti certi liquidi ed esigibili maturati alla data del 31 dicembre 2012, ovvero dei debiti per i quali sia stata emessa fattura o richiesta equivalente di pagamento entro il predetto termine  a causa di carenza di liquidità.

La richiesta di anticipazione di liquidità è stata portata all’esame dell’assise consiliare il 22 aprile scorso e deliberata in quella seduta, “per prendere atto e dare maggiore forza e valore all’iniziativa – ha spiegato il Primo Cittadino – attraverso una circostanziata informazione di tutta la rappresentanza cittadina ed il suo sostegno, in considerazione della rilevante consistenza del finanziamento da richiedere, commisurato alla mole dei debiti pregressi esistenti. In questo momento di acuta crisi economica del nostro paese, ritengo che l’unica strada possibile per cominciare a risalire e a riprendere un percorso di crescita sia  la concertazione tra tutte le forze positive al servizio della città”.  

“E’ un impegno coraggioso quello che oggi il Comune di Gaeta si assume – precisa il Sindaco Mitrano – un’anticipazione di liquidità per 4 milioni e 500.000 euro da restituire entro 30 anni, ad un tasso di interesse agevolato che comunque comporterà rate annuali di circa 300.000 euro, da stanziare in bilancio ogni anno. Un onere cui siamo costretti a far fronte per l’incapacità e l’inefficienza amministrativa dei governi locali passati. Un accumulo di debiti ereditati che dobbiamo assolvere anche per dare un po’ di respiro alle imprese creditrici e contribuire così a scuotere e riavviare l’economia locale”.

Più informazioni su