Seguici su

Cerca nel sito

Furti di bagagli in aeroporto, 49 indagati

19 sono addetti alle operazioni di handling sono agli arresti domiciliari, altri 10 arresti e per 57 persone notificato l'obbligo di firma
+ GUARDA IL VIDEO

Più informazioni su

Il Faro on line -49 misure cautelari sonostate emesse nei confronti di altrettanti dipendenti dell’Alitalia-Cai a Fiumicino, coinvolti nell’inchiesta sui furti nei bagagli dei passeggeri. Di questi, 19 addetti alle operazioni di handling sono agli arresti domiciliari, mentre ad altri 30 operai è stato notificato l’obbligo di firma. In tutta Italia 86 arresti e 57 obblighi di firma. La compagnia, a quanto sie’ appreso, ha collaborato con gli inquirenti. Le misurecautelari – viene spiegato – sono state predisposte al fine dievitare la reiterazione dei reati contestati, ovvero i delittidi tentato furto e furto consumato aggravati, nonche’ didanneggiamento, commessi in danno degli ignari clienti dellacompagnia di bandiera”. Gli autori dei furti rischiano penefino a 6 anni di reclusione, oltre che la perdita del posto di lavoro.

L’operazione, coordinata dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme e diretta dal direttore della V zona di Polizia di Frontiera, Antonio Del Greco, ha visto impegnati numerosi agentidi polizia, che hanno dato esecuzione ai provvedimentirestrittivi disposti dall’Autorita’ Giudiziaria.    L’attivita’ di indagine, effettuata in stretta sinergia congli investigatori della Polizia di Frontiera di Lamezia Terme,oltre che agli arresti eseguiti nella Capitale, ha permesso diassicurare alla giustizia altri 37 dipendenti infedeli di altresocieta’ di handling di cui si avvale Alitalia in altri scaliper analoghi reati commessi in diversi aeroporti nazionali. Peril buon esito dell’attivita’ investigativa – viene sottolineatodalla Polizia di Frontiera – ”determinante e’ stato il ruolodella Direzione Sicurezza di Alitalia Cai, che ha collaboratofattivamente con gli inquirenti mettendosi costantemente adisposizione della Polizia Giudiziaria nelle fasi piu’ delicate dell’indagine”. (fonte Ansa)

Il comunicato Alitalia

”La Direzione Sicurezza di Alitalia, nel corso del 2012, ha attivamente collaborato con la Polizia di frontiera di Fiumicino e di Lamezia Terme nello studio, nello sviluppo e nella conduzione di una articolata attivita’ investigativa avente come obiettivo l’individuazione dei responsabili di numerosi furti che, in forma sempre piu’invasiva, si sono registrati sui bagagli dei passeggeri Alitalia”. Lo afferma la stessa Compagnia in relazione all’operazione condotta stamani che ha portato, tra l’altro, all’arresto di 19 dipendenti Alitalia di Fiumicino per furti neibagagli dei passeggeri.   

”Inizialmente – sostiene Alitalia – la tratta Roma Fiumicino – Lamezia Terme era risultata la più colpita da questo fenomenoche successivamente si e’ esteso anche ad altri scali nazionali che, seppur in forma minore, sono stati interessati dalla stessaproblematica. Il proficuo scambio, tra Alitalia e la Polizia difrontiera, delle reciproche conoscenze, competenze ed esperienzeprofessionali, unito alla fattiva collaborazione della Compagnia, hanno consentito di raggiungere un importante risultato, permettendo alla magistratura inquirente, che ha coordinato tutte le fasi dell’indagine, di emettere gli odierniprovvedimenti restrittivi nei confronti dei presunti colpevoli”.   ”Alitalia, quale parte lesa da questi avvenimenti – concludela compagnia – continuera’ a garantire la totale collaborazione alle forze di polizia e all’autorita’ giudiziaria”. 

Più informazioni su