Seguici su

Cerca nel sito

Cassazione: “Tassa rifiuti, sì al rimborso iva”

Mauro Porcelli: "Ecco come chiedere il rimborso"

Più informazioni su

Il Faro on line – La Suprema Corte di Cassazione con recente Sentenza, stabilisce che l’IVA sulla tassa rifiuti non è dovuta, in quanto si tratta di un tributo.L’associazione Civiltà che presiedo, sempre attenta alle problematiche dei cittadini,  ha voluto informare la cittadinanza su di un diritto maturato ex legge, per il quale si può chiedere al Comune il rimborso dell’IVA pagata e non dovuta nell’arco degli ultimi dieci anni. Questo darà diritto – secondo Sentenza di Cassazione – al rimborso  delle somme versate negli ultimi dieci anni, rivalutate con i dovuti interessi di legge. 

La cosa più importante, però, non è solo richiedere il rimborso, ma anche e soprattutto ottenere l’immediata cancellazione dalle fatture e dai ruoli, affinché la società di riscossione provveda allo sgravio. La cosa, di non poco conto, è proprio relativa al fatto che lasciando le cose nel silenzio, si continuerà a pagare con la possibilità di prescrizione del diritto di rimborso.

Certo che ad avvisare i cittadini  avrebbero dovuto pensarci  altri, magari pensando più alle tasche di chi tira la cinta di questi periodi , piuttosto che ai viaggi dell’amore. Ma noi siamo sempre attenti ed informati per garantire la massima trasparenza, affinché non si creino equivoci sulle  verità. Ogni notizia o informazione da noi gestita, sarà sempre motivo di confronto a beneficio di chi ama rispettare il prossimo e non veda nella gestione del potere, una forma di prevaricazione o fastidi a terzi.

Animati da un profondo senso di collaborazione, mi preme esortare il Sindaco a portare in Consiglio comunale il  provvedimento di rimborso a tutti i cittadini che hanno versato l’IVA negli ultimi dieci anni, con la conseguente comunicazione alla società di riscossione AIPA di provvedere allo sgravio delle somme.

Migliaia di persone rientreranno in possesso di somme, peraltro utili in momenti così difficili e risparmieranno da subito l’importo per i prossimi versamenti.

Un provvedimento così importante e di grande interesse popolare, crediamo venga raccolto e inserito nel prossimo Consiglio comunale, a dimostrazione che la politica deve abbandonare ogni forma di arroganza e litigiosità a favore di nuovi modelli sociali che hanno a cuore la collettività non  più disponibile a perdere tempo.

Per facilitare quei cittadini che non possono permettersi spese o pareri, alleghiamo una bozza di lettera per chiedere il rimborso dell’IVA.

Mauro Porcelli 

Più informazioni su