Seguici su

Cerca nel sito

“Nomina degli scrutatori, il falso scandalo nasconde richieste molto chiare”

Il centrodestra replica a Montino: "Siamo stufi noi e lo è tutta la città dei toni delatori che l’ex onorevole usa per non parlare di programmi"

Più informazioni su

Il Faro on line – “Come ha dichiarato questa mattina la capogruppo del Pd, Michela  Califano, è definitivamente certo che Montino non è espressione del territorio (‘Il nostro candidato è sopra le parti perché noi siamo territoriali, lui no’ cit.). E’ altrettanto chiaro ed evidente che Montino abbia perso la bussola quando si è reso conto di aver perso le elezioni”. E’ quanto si legge in un comunicato stampa a firma della coalizione di centrodestra di Fiumicino.

“Come fa Montino a parlare di trasparenza, quando Michela Califano (PD), ha dichiarato di aver interrotto gli orari delle lezioni delle scuole per andare a presentare Montino agli studenti! Il candidato di centrosinistra non ha capito che essere a Fiumicino non è come essere alla Regione Lazio, e che un attacco come quello di questa mattina ha più il sapore di chi cerca di nascondere i propri limiti ed arriva dallo stesso uomo che giustificò l’acquisto di vini pregiati con i fondi regionali, come regali destinati agli orfanotrofi. (per poi chiedere scusa) mentre a tutti piacerebbe ancora sapere come sia stata gestita la situazione fondi del Pd, stile Fiorito”.

”Lo stesso Montino che parla di immobili a favore dei diversamente abili e dei disagiati, ma poi la sera torna a casa, a Piazza Navona, la sua casa appartenente all’ente ciechi e per il cui affitto paga 390 euro al mese (per un immobile enorme). Lo stesso Montino  che non si è vergognato ad assicurare alla moglie un posto al Senato. Lo stesso Montino che  ha fatto rimborsi per cene elettorali in ristoranti di Fiumicino i cui gestori hanno poi dichiarato di non saperne nulla; lo stesso Montino che non si vergogna di dire che oltre ai vitalizi, prende anche la pensione da bracciante agricolo. Lo stesso Montino messo da Renzi tra coloro che hanno condannato il Pd in ambito regionale. Siamo stufi noi e lo è tutta la città dei toni delatori che l’ex Onorevole Montino usa per non parlare di programmi”.

“Il falso scandalo della nomina degli scrutatori nasconde un’implicita richiesta: ottenere nomi di riferimento politico del centrosinistra. In sintesi la verità sta nel tentativo da parte della coalizione di centrosinistra di nascondere le furbizie di alcuni personaggi che stanno alzando l’asticella per ottenere maggiori spazi. Da una lettura dei nomi degli scrutatori, è strano che si siano concentrati su naturali omonimie o parentele proprie di un paese (ma ovviamente Montino, da romano, non può conoscere le dinamiche di una città come Fiumicino) e omettendo di menzionare minimamente i nomi riconducibili al centrosinistra”.

“Se vuole essere serio Montino inizi non rinunciando allo stipendio di Sindaco, ma a tutti gli altri privilegi, e chiarisca pubblicamente non i suoi redditi privati, ma quanto, la sua famiglia, lui e la moglie, percepiscono di soldi pubblici”.

Più informazioni su